La misura Varato il Codice del turismo. Brambilla: «Tutela per vacanzieri e imprese»

L’approvazione ieri mattina in Cdm del «Codice del Turismo» è stata salutata dal ministro Michela Brambilla con estrema soddisfazione, in quanto il testo «risponde a un’esigenza di semplificazione e riordino della legislazione che turisti ed operatori del mercato attendevano da tempo». «Con il riordino del quadro normativo di riferimento, la nostra iniziativa legislativa - ha sottolineato la Brambilla - conferisce certezza e sicurezza a tutti i soggetti coinvolti». Il «Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo» persegue infatti diversi obiettivi concorrenti, tra i quali quello di assicurare la ripartizione degli interventi pubblici di settore; di garantire una moderna regolazione del mercato turistico in linea con le legislazioni europee; di favorire la modernizzazione dell’erogazione dell’offerta turistica attraverso l’adeguamento della disciplina vigente alle migliori tecnologie informatiche, di sicurezza e di tutela ambientale.