Misurato il rischio cardiovascolare di molti tifosi che affollano gli stadi

Prima dell’incontro Milan-Parma (in programma domani) cento spettatori saranno sottoposti alla misurazione della pressione arteriosa e della circonferenza-vita. L’iniziativa, ovviamente gratuita, rientra nella campagna di prevenzione cardiocircolatori di Takeda - una multinazionale farmaceutica giapponese molto attiva in quest’area - e si avvale della collaborazione del Milan e dell’ospedale Salvini di Garbagnate.
Provengono da quest’ospedale, infatti, i cardiologi (volontari) che controlleranno gli spettatori nello stadio di San Siro per misurare il loro rischio cardiovascolare. Monica Caserta, di Takeda, tiene a precisare che coloro i quali risultassero «in pericolo» potranno essere sottoposti a ulteriori accertamenti (sempre gratuiti) o addirittura ad un ricovero ospedaliero nella struttura di Garbagnate.
L’operazione intende dare un contributo alla campagna di prevenzione cardiovascolare che lo Stato non fa ma i privati ripropongono con idee sempre nuove. Dopo San Siro vi sarà una seconda iniziativa all’estero nei giorni 29, 30 e 31 gennaio, quando l’équipe cardiologica guidata dal professor Stefano Carugo entrerà nella sede (Bruxelles) del Parlamento europeo per «controllare» pressione arteriosa e circonferenza-vita dei parlamentari che vorranno conoscere meglio il loro status di possibili malati o di individui sani.
Terza operazione salva-cuore domenica 11 febbraio, ancora allo stadio Meazza, prima dell’incontro Milan-Livorno, con i cardiologi di Garbagnate. E poi? I progetti sono tanti; la convinzione di salvare molte vite - scoprendo precocemente un danno e riparandolo con tempestività - è fortissima.
Takeda non è nuova a queste iniziative. Nel corso del 2005, con la preziosa collaborazione del professor Carugo e della sua équipe, ha svolto questo tipo di controlli sui treni veloci Eurostar ma anche nelle stazioni ferroviarie di Milano e Roma.
Certamente ripeterà l’operazione negli aeroporti (non solo italiani) e nelle aree del sud, che finora non hanno ricevuto queste attenzioni.