Il mito degli elfi: con Peter Pan ora c’è Firefly

I Bambini Sperduti sono cresciuti, Wendy è sposata e l'Isola che non c'è è un luogo grigio ed inquinato: sono questi gli sviluppi della favola di Peter Pan contenuti nel sequel del racconto, Peter Pan in Scarlet, pubblicato a ottobre in Gran Bretagna e negli Usa. Sei settimane prima della pubblicazione, alcuni estratti del manoscritto - uno dei segreti editoriali più custoditi della letteratura odierna - erano stati pubblicati dal New York Times senza il consenso delle case editrici. Il libro è stato scritto da Geraldine McCaughrean, che lo scorso anno ha vinto il concorso indetto dal Great Ormond Street Hospital - l'ospedale pediatrico londinese al quale JM Barrie donò i proficui diritti di Peter Pan nel 1929 - per scrivere il sequel. La McCaughrean ha ambientato la sua storia nel 1926, Campanellino è stata sostituita da un'altra fatina, Firefly, Wendy è diventata una poetessa e lei e i Bimbi Sperduti sono tormentati da strani sogni sull'Isola che non c'è. La McCaughrean ha al suo attivo 130 libri per piccoli e grandi, tre dei quali si sono aggiudicati il prestigioso premio «Whitbread» nella categoria «libro per bambini dell'anno».