Mobbing politico in un ente regionale

Massimo Malpica

Dalla speranza di aver imboccato la strada verso un posto di lavoro a una sfilza di delusioni e umiliazioni. Fino all’ultima, amara sorpresa, arrivata due giorni fa. Quando, su una bacheca dell’«Agenzia Lazio Lavoro», la «All», ente strutturale della Regione, i nove vincitori di un bando per un progetto di «Cantiere scuola e lavoro» hanno scoperto di essere stati sospesi (anche dalla retribuzione) dal prossimo 12 dicembre a causa di «criticità interne», recita la determinazione firmata dal commissario straordinario, Agostino Coinu. E questo dopo che, per otto lunghi mesi, hanno trascorso (...)