Il mobile italiano accelera in Cina

Prima tappa domenica scorsa ad Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti) dell'«operazione Cavour» con l'inaugurazione della mostra di FederlegnoArredo «Il cuore dell'abitare italiano. La nostra passione è la tua casa».
Si tratta, come abbiamo ripetutamente annunciato nei numeri precedenti, di una mostra itinerante del made in Italy allestita a bordo della portaerei Cavour e alla quale non poteva mancare il comparto dell'arredo.
L'evento - che ha avuto luogo in occasione delle celebrazioni della festa nazionale degli Emirati - è culminato con un ricevimento istituzionale a cui ha partecipato il principe ereditario, Mohammed bin Zayed Al Nahyan. Oltre alla presentazione dell'eccellenza italiana del legnoarredo e delle fiere di riferimento (iSaloni e Made expo), la tappa è stata l'occasione per entrare in contatto con operatori di altissimo livello e autorità locali.
Non solo un momento istituzionale, quindi, ma anche e soprattutto una reale opportunità di business.
Al termine delle tappe mediorentali - Barhain (5-9 dicembre), Kuwait (10-12 dicembre), Qatar (18 dicembre), e ancora Emirati (31 dicembre) - è previsto il periplo dell'Africa, dove si svilupperà anche un'importantissima missione di assistenza umanitaria attraverso il contributo delle onlus Operation Smile e Fondazione Francesco Rava.
Nell'ambito delle attività di promozione delle eccellenze imprenditoriali italiane l'«operazione Cavour», oltre a rappresentare un momento promozionale del legnoarredo nel Golfo Arabico e nel continente africano, sosterrà il made in Italy su mercati in espansione, in una cornice istituzionale prestigiosa e interamente italiana.
Concetto ben chiaro a Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo: «Se il Medioriente è già uno dei principali mercati di sbocco delle nostre esportazioni, l'Africa rappresenta il mercato del futuro e la mostra allestita all'interno della portaerei offrirà ai visitatori di queste aree un quadro completo della filiera italiana rappresentata da FederlegnoArredo».