Il mobile moderno lavorato all’antica

Collezioni per un panorama di pezzi ideali da accostare all'arredo di oggi

Michela Orefice

Nella ricerca spasmodica di ottenere qualcosa di «design», molto spesso si creano oggetti dei quali esistono già mille esemplari che più o meno si assomigliano, con una lavorazione puramente fatta con le macchine, spigoli vivi, forti spessori per dare forte significato ad oggetti e mobili che qualunque falegname è in grado di riprodurre e forse a costi molto più contenuti. L'arredo di oggi poi ama sempre più mescolare pezzi attuali con pezzi che si rifanno a stili e tempi passati, e il mobile «non più di design» non è allora da trascurare, anzi, se si tratta di elementi prodotti con attenzione artigianale, vanno messi in evidenza. È il caso, come si può vedere nell'immagine qui sopra, di un bel mobile da soggiorno (lungo 201, profondo 56, alto 103) che si lega perfettamente con tavoli, sedie e divani di linea modernissima. Si tratta di un pezzo dovuto alle mani di «Marchetti, mobilificio d'arte», e rientra in una delle numerose collezioni che sono legate dal filo comune di una lavorazione estremamente curata, attenta, davvero «d'arte». Il prezioso gioco dei legni dal cassettone, disponibile in diverse misure, si ritrova in una serie di tavoli alti e bassi, in vetrine, piccole armadiature, sedie e divanetti. Sono i pezzi che noi tutti amiamo, che fanno sentire fino in fondo il calore del legno, la sua forza nell'arredo e nella decorazione. Per ogni informazione potete rivolgervi al tel. 049.9401800 e visitare su internet il sito www.acquacottabymarchetti.com