«Alla Mobile romana manca l’essenziale»

«È diventata insostenibile la situazione nella squadra mobile della Questura di Roma, punta di diamante dell’attività di investigazione della capitale». La denuncia arriva dal rappresentante provinciale di Rinnovamento sindacale per l’Ugl, Emilio Simi, che elenca i problemi: «Oltre all’esiguo numero dei veicoli a disposizione gli interni delle auto sono in pessimo stato igienico; inesistenti gli spogliatoi per cambiarsi dopo il servizio; gli uffici sono arredati con mobilio di fortuna; la “sala situazioni” è una stanzetta di 6 metri quadrati in cui lavorano 5 persone. Inoltre a disposizione di tutte le sezioni ci sono solo due fotocopiatrici, cronica l’assenza di computer. Infine è vergognosa la scarsa presenza di collegamenti internet, strumento di fondamentale importanza per lo svolgimento dell’attività investigativa».