La moda del Continente nero sfila al Castello

Un evento organizzato dall’onlus New Community in collaborazione con il Comune

Paola Bulbarelli

Quasi sicuramente il marchio Belstaff è il più cinematografico che ci sia. Non solo per essere utilizzato per certi capi che poi vanno a ruba ma anche come protagonista e organizzatore di eventi.
Per quanto riguarda le pellicole, dopo «The Aviator» e «La guerra dei mondi», Belstaff torna di nuovo al cinema con il film «Four Brothers» di John Singleton. Il giubbotto cult, questa volta, è il Panther Replica Jacket della collezione Vintage leather. Lo indossa il protagonista del film, Bobby, interpretato da Mark Wahlberg. La giacca, in edizione limitata, è una perfetta riproduzione dell’originale Belstaff Panther Jacket degli anni Settanta, con pelle anticata che garantisce l’effetto «vintage». Senza dimenticare i momenti storici alla Larewence d’Arabia con Peter O’Toole o quelli più recenti dove veniva vestito con giubbotto speciale anche Gorge Clooney, impegnato in una importante campagna per la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie.
E Belstaff ha pensato a una serata di gala molto particolare: «Africa, the last authentic style». Ieri sera, nella splendida cornice del Cortile della Rocchetta al Castello sforzesco, si è tenuto l’evento che ha reso omaggio alla prima passerella di stilisti provenienti da paesi africani: Aida Quattara da Mali, Doukore Foumba dalla Costa d’Avorio, Clive Rondle del Sud Africa, Nkensanie del Sud Africa, Colle Ardo Sow del Senegal, Fatimeda di Capo Verde e Zizi Cardow della Nigeria. L’iniziativa, promossa e organizzata dalla onlus New Community Foundation, ha potuto contare sul fondamentale apporto dell’assessore alla Moda del Comune di Milano, Giovanni Bozzetti, e il patrocinio e il consenso di vari Stati dell’Africa: Sudafrica, Senegal, Capo Verde, Madagascar, Nigeria. Tra le personalità intervenute, il sindaco Gabriele Albertini e numerosi vip tra cui Alec Wek, Serena Autieri, Martina Colombari, Guido Bagatta, Anna Maria Barbera, Giulio Base, Helen Svedin, Ignazio La Russa, Alessia Ventura, Edoardo Costa, Davide Ricci, Anna Kanakis, Moran Athias, Laura Freddi e tanti altri.
Enorme successo anche all’evento di Tod’s dove si festeggiava il «Gommino», la scarpa simbolo del marchio, con uno straordinario evento in onore della presentazione del libro dell’artista Michael Roberts: «The snippy world of the new yorker fashion artist Michael Roberts». L’happening ha visto l’esposizione di lavori realizzati dall’artista insieme ad alcuni prodotti Tod’s della nuova collezione Primavera-estate 2006. Il «Gommino», la scarpa Tod’s più famosa nel mondo, ha ispirato con le sue linee semplici ed eleganti alcuni collages realizzati da Michael Roberts.
All’evento hanno partecipato diversi personaggi noti del mondo della moda e non, come: Alberta Ferretti, Ennio Capasa, Miuccia Prada, Ferruccio Ferragamo, Anna Wintour, Suzy Menkes, Franca Sozzani, Carine Roitfeld, Laura Pausini, Natalie Imbruglia, Martina Colombari e Billy Costacurta, Alek Wek e Riccardo Sala, Alena Seredova, Randi Ingerman, Ilaria D’Amico, Vanessa Incontrada, Cristina Parodi, Andrea Pezzi. Gli ospiti si sono intrattenuti ascoltando Bossanova, sorseggiando Moijto e Caipiroska e gustando colorati spiedini di pesce e frutta, in una briosa atmosfera «brasiliana».