Moda, fiori e profumi invadono le stanze dell’antico castello

Moda, fiori, arte, e profumi in due fine settimana di primavera al Castello di Rocca Grimalda, nell’Alto Monferrato: sabato 18 e domenica 19 aprile, e sabato 25 e domenica 26, nel caratteristico borgo borgo medioevale raccolto attorno al suo antico castello, restaurato di recente, fioriscono gli iris e si torna indietro nel tempo per ricreare l’atmosfera dei primi anni del Novecento. Sono gli anni del Liberty, quando lo «stile floreale» influenza l’architettura, l’arte e la moda con elementi naturalistici, forme vegetali, nervature boschive, piccoli animali, linee curve e forme flessuose.
L’inaugurazione della manifestazione «Dall’iris al Liberty» si terrà sabato 18 in occasione della manifestazione «Paesaggi e castelli» promossa dalla Provincia di Alessandria: a Rocca Grimalda si svolgeranno diversi incontri culturali guidati da esperti di storia dell’arte, della moda e del giardino.
Ma non solo. Anche il profumo avrà un proprio spazio perché proprio la radice dell’iris è stata utilizzata come base di molti profumi fino alla produzione delle essenze sintetiche. Ancora oggi importanti case produttrici dedicano a questo fiore le fragranze più recenti. Sempre in relazione agli iris, una docente esperta di «decorazione floreale» spiegherà la storie e le tecniche di quest’arte con dimostrazioni pratiche sull’utilizzo di questo fiore. Concluderà l’evento una conversazione sui fiori e i giardini, in particolare anche quelli «a risparmio d’acqua», per dare uno spunto di riflessione sulle attuali esigenze ambientali. Un contributo prestigioso arriva dal Museo regionale di scienze naturali di Torino, che, attraverso il Giardino botanico Rea, proporrà una serie di importanti pannelli sulla storia dell’iris, il suo utilizzo, le sue varietà.
Una piccola mostra mercato di fiori, libri, oggetti d’arte, artigianato e vini costituirà una ulteriore attrazione per gli ospiti, mentre due gruppi di pittori dilettanti proporranno le loro opere, sul tema dell’iris e del Liberty, nelle cantine settecentesche del castello e negli spazi espositivi del Comune. Non mancherà un intrattenimento musicale proposto dal Duo Rebora della Scuola di Ovada.Domenica 26, infine, tutta «Rocca sarà in fiore». L’amministrazione comunale, infatti, ha invitato fioristi professionisti a decorare gli angoli più suggestivi del centro storico.