Moda haute-à-porter, tutto esaurito a TheOneMilano

Collezioni di abiti, accessori e pellicceria nei padiglioni di fieramilanocity dal 23 al 26 febbraio. Oltre 340 brand 269 aziende espositrici in quattro nuovi spazi espositivi. Cresce la presenza dei buyer esteri in una manifestazione sempre più internazionale

La moda haut-à-porter donna disegna le nuove linee dello stile fra immagine e business proiettato sui mercati internazionali nell’edizione 2018 di TheOneMilano, il salone dedicato al mondo femminile proposto con il format originale che per la terza volta vede Mipap e Mifur assieme nel segno dell’unicità: One, appunto, nella capitale della moda, Milano. Rassegna allestita a fieramilanocity dal 23 al 26 febbraio mentre sono in corso anche gli appuntamenti di Milano Moda Donna, che si presenta con una nuova immagine, nuovi contenuti e nuovi servizi. Un modello fieristico pensato per spingere sui mercati internazionali il made in Italy creativo in collaborazione con Ice, forte del successo dell’edizione 2017 che ha richiamato dall’estero il 67% dei visitatori professionali.

Strategia spiegata alla presentazione dal presidente di TheOneMilano, Norberto Albertalli: “Le collezioni presentate in fiera sono le migliori espressioni di una moda apprezzata in tutto il mondo e quest’anno abbiamo il tutto esaurito, con tanto di lista di attesa, alla manifestazione”. In cifre: 342 brand, 269 aziende espositrici di cui 140 italiane e 129 internazionali, 12mila buyer attesi con 8mila già pre-registrati al fine gennaio, eventi speciali fuorisalone e la presenza di delegazioni di buyer provenienti da Corea del Sud, Russia, Arabia Saudita, Kuwait, Emirati Arabi, Giappone, Stati Uniti, Austria, Belgio, Libano, Turchia, Marocco,

“Sarà una bella manifestazione, in continuità con tutto il sistema moda che è rappresentato in Fiera Milano - ha aggiunto l’amministratore delegato di Fiera Milano, Fabrizio Curci, ricordando appuntamenti di Milano Unica, Micam, Mipel, Mido e TheOneMilano -. C’è tutto il mondo della moda e degli accessori che significa portare a Milano oltre 5mila imprese e più di 500mila compratori che arrivano dall’Italia e dal mondo, a dimostrazione della capacità delle nostre imprese e della Fiera di scaricare tutta la loro potenza e la loro eccellenza con il nostro hub espositivo che rappresenta la piattaforma ideale di un business moderno che guarda avanti e aiuta le aziende a crescere”.

TheOneMilano 2018 si fa in quattro, con nuovi spazi che esprimono la sua visual identity contemporanea ideata da Kitchen Stories e supportata dall’advisory board composto da Natasha Grodecki, consulente Lambert & Associates; Giorgio Martelli, vice-direttore generale Stampa Gruppo GedeI; Mattia Mor, imprenditore e manager; Cinzia Malvini, giornalista di moda e costume LA7 e direttore di BookModa; Luca Lanzoni, digital fashion director Hearst Italia; Paolo Marsi, contitolare di StyleCouncilAssociati; Francesco Casile, fondatore e ceo Casile&Casile Fashion Group; Muriel Piaser con il ruolo di Global Fashion Developer; Fabrizio Curci, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano.

#TheOneIdentity. Area esclusiva dedicata alle insegne del contemporary luxury e alle label di grande ricerca e sperimentazione per dare valore alla creatività di aziende dall’appeal contemporaneo di eccellenza. Tra i suoi protagonisti nomi come Sonia Speciale, Campomaggi e Caterina Lucchi, Mua Mua Dolls, San Andres Milano, Ida Lou, Not Shy the hottest cashmere, mavina, Au197Sm, Brigitte Bardot, Liven.

#TheOneShowroom. Spazio dedicato agli showroom per anticipare le tendenze e interpretare l’evoluzione di un mercato che ha l’urgenza di accorciare le distanze fra domanda e offerta. Un hub dove brand e aziende hanno l’opportunità di incontrare direttamente buyer, distributori e operatori di settore, per fare new business. Tra i marchi: Zappieri Milano, Style Council, Elisa Gaito, Louvre fashion agency, Mdm7 show room.

#TheOneOriginal. Vetrina dell’eccellenza, il salone mette in primo piano le realtà industriali del tessile: il meglio del manifatturiero connette il tessuto produttivo con i mercati internazionali in un dialogo fra innovazione e nuove visioni strategiche. Tra le numerose aziende che hanno confermato la loro presenza, Nuovo Borgo, Daniela Drei, Kontessa, Club Voltaire, Carmen Milano.

Nuovi spazi, dal respiro sempre più internazionale, che affiancano #TheOneFur&leather, la vetrina dei principali nomi del settore pellicceria e pelle, presente tra gli appuntamenti imperdibili nelle agende dei più importanti buyer del mondo. Tra i protagonisti di questa edizione: Manzoni 24, Olivieri, Gianfranco Ferré Furs, Tosato, Diego M, Artico.

La giornata inaugurale, venerdì 23, sarà davvero speciale perché alla sera chiuderà con lo show dedicato al made in Italy Italian Fashion Night, sfilata collettiva con la pellicceria protagonista durante la Fashion Week milanese: in passerella Fabio Gavazzi, Giorgio magnani Luxury, GrandiFur, Malamatì, Pajaro, Rindi, Kopenhagen Fur.
“Questa sfilata è un messaggio di grande importanza, rivolto ai buyer di tutto il mondo che arrivano per il nostro salone e per i compratori presenti in città per la kermesse della moda milanese – sottolinea Norberto Albertalli – L’Italia è fashion leader e lo deve dichiarare non solo con l’eccellenza creativa del prodotto: tutte le collezioni in passerella sono interamente made in Italy, firmate da aziende che sanno parlare il linguaggio della trasparenza, della serietà produttiva, della responsabilità sociale. Su questa passerella guardiamo al presente e al futuro del nostro essere impresa”.

Domenica 25 sarà la volta di Remix, il Concorso Internazionale dedicato ai talenti emergenti provenienti da tutto il mondo organizzato da Iff, International Fur Federation in collaborazione con TheOneMilano.

TheOneMilano valorizza anche i giovani talenti con Ied Milano, Accademia di Costume e Moda di Roma e il forum di Italian Fashion and Design Academy. Torna anche Nice 1 con Cna Federmoda: i giovani stilisti che hanno vinto il concorso Ricerca Moda Innovazione creeranno e metteranno in vendita in fiera quattro capsule realizzate da aziende che espongono. In autunno sarà il pubblico a decretare il loro successo in un Trunk Show in quattro negozi di Milano.

TheOneMilano è uno dei “motori” che spinge la moda italiana, in momento positivo come confermano i dati di preconsuntivo 2017 relativi ai settori presenti nella manifestazione. Il valore della produzione a livello retail, per la pellicceria è di 1.367 milioni di euro (+3,5% rispetto al 2016); il fatturato del tessile, pelle, pelletteria, abbigliamento e calzature si attesta su 64.822 milioni di euro (+2,5%).

L'export nel 2017, hanno registrato segnali molto positivi. Per la pellicceria nel 2017 le esportazioni hanno registrato un incremento globale di circa il 4% rispetto al 2016, dovuto a un incremento della domanda del prodotto italiano in Cina (+19%), Francia (+13%) e Russia (+12%). Anche per la componente tessile, pelle, pelletteria, abbigliamento e calzature il 2017 si è dimostrato positivo per il commercio con l’estero, segnando una ripresa dei mercati asiatici (Cina +13,5 e Corea del sud +12,8%) e della Russia (+ 12,8%). Sia per la pellicceria che per gli altri settori restano invece problematiche le esportazioni verso gli Usa: la prima registra infatti -34%, un dato legato soprattutto agli acquisti fatti dai negozi statunitensi nelle aree che propongono un prodotto più commerciale e a minor costo; i secondi -1,3%.

Mattia Mor ha affrontato il tema dell’internazionalizzazione e dell’export, spiegando di aver “toccato con mano l’importanza delle fiere e di Fiera Milano per portare le produzioni e lo stile italiano all’estero”, soffermandosi sulle “potenzialità straordinarie del mercato cinese dove la classe media raddoppierà entro il prossimo decennio e dove ci sono 270 città con più di un milione di abitanti”, he significa aumento di acquisti in un Paese dove “il made in Italy è sempre più ricercato e desiderato, anche attraverso le piattaforme web”.