La moda di Milano a Nervi con il «temporary store»

«Non sembra neppure di essere a Genova! In centinaia, amici e clienti, ci hanno più volte detto che sembra di essere a Milano»: un bel risultato per Alessandro Cosmelli e la moglie Antonella, che hanno voluto ripetere il successo dello scorso ottobre riproponendo il loro Temporary Store del punto vendita Seventy, a Nervi, in via Oberdan: «La naturale galleria creata dall'incontro tra le vetrine e il tendone del negozio ospita una degustazione del tutto gratuita: il bello della nostra iniziativa, quello di cui i nostri clienti sono appunto entusiasti, è la possibilità di godere di questo clima festoso e di armonia che trasforma il cliente in amico e avventore, e non lo costringe forzatamente a entrare e acquistare. Offriamo alcune ore di intrattenimento con un’iniziativa diversa e distante dalle solite proposte genovesi».
L'esperienza del temporary store arriva dall'estero ed è successivamente entrata nella cultura italiana, soprattutto a Milano, città notoriamente all'avanguardia nel campo del marketing: alcuni esercizi venivano affittati per un numero limitato di settimane o mesi, durante i quali i negozi vendevano «temporaneamente» - appunto - solo alcuni tipi di merci. «L'idea è venuta a mia moglie Antonella: volevamo creare un'occasione incentrata sul rapporto umano, durante la quale ci si vede, si scambiano due parole, e si creano situazioni gradevoli che spingano il cliente e l'amico a vivere lo Store come punto d’incontro».
La Milano della Liguria insomma è a Nervi: l'iniziativa di Seventy ha richiamato l'attenzione di tutto il levante genovese che ha mostrato di gradire la degustazione del Temporary Store.
Fino alla Vigilia di Natale saranno in degustazione 3 prodotti che rimarranno in vendita promozionale: «in tanti si propongono per le degustazioni: siamo noi stessi a selezionare i prodotti con molta attenzione, privilegiando sempre la qualità e sempre in linea con la stagione e il contesto. Durante il periodo natalizio proponiamo tre prodotti: lo Champagne Billecart-Salmon, uno champagne estremamente gradevole ma un prezzo di poco superiore a quelli in vendita nei supermercati, il Ciambellone, un pane dolce di 2 chili e mezzo, realizzato appositamente da Orlando e Gildo Grondona, e un cioccolato particolare, di Claudio Corallo, che coltiva il cacao e produce il cioccolato nelle isole di São Tomé e Principe che formano la più piccola repubblica dell'Africa, nel Golfo di Guinea». Un approccio commerciale innovativo che propone il negozio come posto di aggregazione e svago: è il punto vendita stesso a scendere in strada, proponendosi ai propri clienti con garbo e seduzione, con un'alternativa golosa che può facilmente diventare una gustosa alternativa al tradizionale pacchetto sotto l'albero di Natale.