Al Modena «La grammatica di Dio»

Un cane troppo fedele che torna sempre come un boomerang dal padrone che lo vuole abbandonare; un potentissimo manager pronto a tutto pur di riunire i Beatles per un concerto; un terzino fantasioso e romantico su uno spelacchiato campo di periferia; un arrogante e irredimibile uomo d'affari; un frate che sceglie il silenzio per sentirsi più vicino a Dio ma viene vinto dalla bellezza di una muta; una perfida vecchietta divorata dall'invidia e dal livore: sono solo alcuni dei protagonisti delle «Storie di solitudine e allegria», sottotitolo di «La grammatica di Dio», l’ultima raccolta di racconti che Stefano Benni presenterà stasera alle 21 alla Sala Mercato del Teatro dell’Archivolto a Sampierdarena. Insieme a lui Giorgio Gallione, regista e direttore artistico del Teatro dell’Archivolto che ha messo in scena numerosi spettacoli tratti da opere dell’autore bolognese. Ingresso libero.