Il «moderato» Mariano Nocciola: e se fosse Clemente Mastella?

Al primo scioglimento del gruppo
scelsi di sposare una linea chiara ma morbida,
netta ma trasversale,
obliqua ma vicina ai valori cristiani e a quelli della famiglia,
pur tuttavia rispettosa del progresso e della scienza,
ma senza mai venir meno al rispetto dovuto alla Santa Romana Chiesa
a questo Papa e al precedente,
ma vicino e consapevole dell’importanza delle comunità omosessuali.
Però non mi piegai mai all’orrore delle coppie di fatto,
ma fui deciso nel mio operato antirazzista,
anche se scelsi di aderire alla linea dura
contro l’immigrazione clandestina.
Quindi, come ovvia conseguenza,
mi schierai con il centrosinistra.
Poi con il centrodestra.
Poi, prima con l’uno e poi con l’altro.
Non ricordo.
Di certo non era il gruppo misto,
che non mi volle perché troppo misto già di mio,
confondevo i calcoli dei confusi.