Moelgg, la Costazza e la Karbon cercano il podio in slalom al Polo Nord

Si ricomincia da Levi, Lapponia, Finlandia. Un freddo polare (non per niente siamo quasi al Polo Nord!) ha accolto la coppa del mondo per la sua seconda tappa dopo i giganti di Soelden, stavolta si corrono due slalom, donne oggi e uomini domani, prima di altri dieci giorni di pausa e il via definitivo a fine mese in Nord America.
Claudio Ravetto, il dt degli uomini azzurri, mostra ottimismo, una bella differenza rispetto alla vigilia di Soelden, quando aveva previsto la disfatta, arrivata puntualmente. Stavolta i suoi ragazzi si sono preparati come si deve, a Bormio, su una pista “barrata”, cioè impregnata d'acqua e ghiacciata, simile a quella finlandese. Manfred Moelgg domani gareggerà per la prima volta con il pettorale rosso di detentore della coppa di specialità, vinta solo all'ultima gara del 2007-08. Ha assorbito la delusione per il 17° posto nella prima gara ed è fiducioso.
Molto meno bene sta la sua compagna di podio di 8 mesi fa, l'austriaca Marlies Schild, che ha una gamba rotta, e non benissimo sta sua sorella Manuela, caduta in allenamento e acciaccata. Ma oggi sarà in gara assieme a Chiara Costazza, che punta al podio, a Karbon, molto migliorata in slalom, Gius, Curtoni e Schnarf.
In Tv: ore 10 e 13 diretta slalom femminile RaiSat e Eurosport.