Mogadiscio, caccia ai miliziani islamici

Mogadiscio. All’indomani della proclamazione dello stato d’emergenza e della legge marziale per tre mesi, truppe fedeli al governo di transizione somalo, appoggiate da soldati etiopici, hanno compiuto ieri incursioni a Mogadiscio contro quelli che ritiene siano i nascondigli dei miliziani delle Corti islamiche nella capitale. Obiettivo dell’operazione era il sequestro di tutte le armi illegali e l’arresto di coloro che si sono resi responsabili di atti violenti nella capitale. Un portavoce del governo ha detto ieri: «La capitale non costituirà più un rifugio per le bande armate».