Moggi da Berlusconi: «Grazie per Abbiati»

Milano. Berlusconi-Moggi, incontro a Palazzo Grazioli: dietro questa chiacchierata si erano sprecati ipotesi e sospetti. Insomma, si garantiva che il presidente effettivo del Milan e il direttore generale della Juventus avevano necessariamente parlato di Del Piero, al quale in questo momento la Juve va stretta. Mentre i rossoneri sarebbero disposti a qualche grosso sacrificio pur di assicurarsi quello che, con definizione spiritosa rubata al gergo del tennis, qualcuno chiama «capitano non giocatore». Fonti ufficiali (Galliani per i rossoneri, lo stesso Moggi per i torinesi) garantiscono però che la visita del dirigente bianconero al presidente del Consiglio è stata soltanto un gesto di cortesia, il ringraziamento per aver concesso il prestito del portiere Abbiati non appena si è saputo che Buffon, infortunato, ne avrebbe avuto per un periodo lungo. Galliani ha anche aggiunto che al Milan, in questo momento, non servirebbe Del Piero «o qualche altra punta o mezzapunta come Cassano». Quanto a Moggi, quando gli è stato chiesto che cosa fosse successo ha risposto: «Ve l’ha già detto Galliani». Cioè?, altra domanda. «Non so che cosa abbia detto Galliani, ma non posso non essere d’accordo con lui».