«Molto meglio una fetta di pane con il prosciutto La Nutella però...»

Tata Lucia, al secolo Lucia Rizzi, nella calza della Befana per i suoi quattro nipoti ha messo stringhe di liquirizia, mandarini e noccioline americane. Quanto alle merendine,la protagonista di «S.O.S. Tata», presa di petto persino dal critico tv Aldo Grasso per via dei suoi spot sulla Nutella, mostra di avere le idee chiare.
É così letale dare ai bambini qualche dolcetto industriale?
«Meglio una fetta di pane col prosciutto. O una focaccia. Meglio un prodotto più semplice, rispetto a quelli confezionati».
Magari è una questione di tempo: le mamme vanno di fretta…
«In natura esistono merendine già pronte: una banana, una mela ben lavata e pronta da mangiare. Il fatto è che padri e madri portano i figli a scuola, senza far fare prima la colazione».
Ai suoi figli ha mai dato merendine?
«Ho allevato i miei figli senza omogeneizzati e la sera, prima d'andare a letto, apparecchiavo la tavola per la prima colazione: basta organizzarsi. Io svegliavo i miei figli sempre mezz'oretta prima, per permettere loro di fare il pieno di energia».
Perché, quando ha fatto la rèclame della Nutella, Aldo Grasso l'ha criticata?
«Se l'avessero offerta a lui, la réclame alla Nutella, l'avrebbe fatta senz'altro: glielo dico papale papale! Trovo la Nutella indispensabile: un buon mezzo per fare un po’ di festa, spalmata sul pane».