«È il momento in cui si riscopre la devozione al Corano»

«Il digiuno del Ramadan è uno dei pilastri della nostra religione - dichiara Mohammed Danova, della Casa della cultura islamica di via Padova -. Dall'alba al tramonto ci asteniamo dal bere, dal mangiare, dal fumare, dai rapporti sessuali». Il Ramadan è anche il momento in cui i fedeli riscoprono la devozione al Corano, cercano di migliorare se stessi, si occupano della carità ai più bisognosi. «La giornata inizia con il sohoor, una piccola colazione prima della alba e termina, dopo il tramonto, con la taraweeh, la veglia notturna in cui si recitano le preghiere straordinarie di Ramadan. Ogni sera - conclude Danova - circa 300 persone si riuniscono qui alla Casa della cultura per rompere insieme il digiuno».