Mondadori, sui risultati pesa il fattore carta

Utile stabile al netto del mancato rinnovo dei contributi. Bene il settore libri

da Milano

Mondadori ha chiuso il primo semestre con un utile netto di 45,1 milioni in calo del 13,1% rispetto a un anno prima ma sostanzialmente stabile (+0,2%) al netto del «fattore carta», cioè il contributo governativo, pari a 7,2 milioni nel primo semestre 2005, che quest’anno non è stato rinnovato. Il fatturato è stato di 810,1 milioni in calo su base annua dell’1,9%. Il margine operativo lordo è di 98,4 milioni, in calo del 7,9% (anche in questo caso il calo praticamente si annulla, fino all’1,2%, al netto del contributo carta). Escludendo oltre al fattore carta - sottolinea una nota - anche gli oneri netti relativi allo sviluppo di Radio R101, il margine operativo lordo risulterebbe in crescita del 2,3% rispetto al primo semestre 2005.
Sull’intero 2006 il gruppo guidato dall’amministratore delegato Maurizio Costa stima di confermare a perimetro costante i «positivi risultati di gestione operativa del 2005» assorbendo anche i costi relativi ai business in sviluppo, cui si aggiungeranno gli ultimi quattro mesi della neoacquisita Emap France.
Nella divisione libri il gruppo ha mantenuto inalterata nel periodo la propria leadership in Italia, con una quota del 29,6% a copie e del 27,2% a valore. Il fatturato è salito a 192,2 milioni (+2,2%).
Contrazione di fatturato e diffusione, invece, per i periodici a causa degli effetti dei lanci avvenuti nel segmento dei televisivi nei primi sei mesi dello scorso anno, delle iniziative di sostegno a rilanci e restyling e della riduzione delle iniziative dei collaterali, spiega la nota. I ricavi sono scesi a 395,2 milioni (-7,2%).
Mondadori Pubblicità ha chiuso il periodo con ricavi pari a 174,6 milioni (+0,6%), con una raccolta sui periodici in crescita del 2,1%. Radio R101 ha infine raggiunto, secondo la prima rilevazione Audiradio dello scorso giugno, circa 1,4 milioni di ascoltatori nel giorno medio, quasi il doppio rispetto al primo semestre del 2005 (4,1 milioni il fatturato netto).