Mondiali pallavolo, parte l'avventura delle azzurre

La nazionale di Barbolini raggiunge il Giappone dove il 29 inizierà la rassegna iridata. Quindici le convocate, ma il ct dovrà escluderne una. Avversarie della prima fase Portorico, Olanda, Kenya, Repubblica Ceca e Brasile

La nazionale femminile di pallavolo partirà domani mattina da Roma per il Giappone, dove dal 29 ottobre sarà impegnata nel Campionato del mondo. Il ct Massimo Barbolini ha convocato 15 giocatrici e soltanto alla vigilia del torneo iridato sceglierà le 14 che potranno essere utilizzate durante il Mondiale. Della comitiva italiana fanno parte le alzatrici Lo Bianco e Rondon, le schiacciatrici Barcellini, Bosetti, Del Core, Di Iulio, Ortolani e Piccinini, le centrali Arrighetti, Crisanti, Garzaro e Gioli, i libero Arcangeli, Cardullo e Sirressi.
L'ultimo dubbio riguarda il ruolo di libero. Paola Cardullo è stata sottoposta a un intervento al piede soltanto 15 giorni fa e sta cercando di bruciare i tempi per ritornare a disposizione di Barbolini. Se tutto procederà come si spera sarà inserita nell'organico, altrimenti le due giocatrici di difesa italiane saranno Chiara Arcangeli ed Immacolata Sirressi.
La nazionale italiana trascorrerà le prime giornate a Chiryu, cittadina vicino a Nagoya; il 27 si sposterà ad Hamamatsu, dove il 29 ottobre alle ore 11.45 italiane debutterà contro Portorico (già affrontato nel corso dell'estate nel World Grand Prix). Nella prima fase del Mondiale l'Italia è inserita nella pool B e dopo le caraibiche affronterà nell'ordine Olanda (30 ottobre ore 11), Kenya (31 ottobre ore 7.30), Repubblica Ceca (2 novembre ore 10.45) e Brasile (3 novembre ore 10). Alla seconda fase accedono le prime quattro classificate del girone, portandosi dietro i risultati degli scontri diretti.
Le pool della prima fase sono così composte: gruppo A con Algeria, Costarica, Giappone, Perù, Polonia e Serbia; gruppo B con Brasile, Kenya, Italia, Olanda, Porto Rico e Repubblica Ceca; gruppo C con Cuba, Croazia, Germania, Kazakistan, Stati Uniti e Thailandia; gruppo D con Canada, Cina, Corea del Sud, Repubblica Dominicana, Russia e Turchia. Nella seconda fase le migliori delle pool B e C finiranno nello stesso raggruppamento, così come le migliori delle pool A e D.