Il Mondo in difficoltà «convoca» i Nomadi per suonarle all’Empoli

Non potendo contare sui titolari rimasti a casa causa infortuni e squalifiche, Emiliano Mondonico, per il difficile impegno con l’Empoli, ha convocato i suoi amici di sempre, i Nomadi, il gruppo storico della musica italiana. Un escamotage per suonarle ai toscani? No, semplice amicizia nata nel 1963, quando il tecnico dell’Albinoleffe, allora giocatore fantasioso ma giovanotto scapestrato, fingeva di essere infortunato per volare a Londra e non perdere un’esibizione dei Rolling Stones. Dalla nostalgia al presente di una classifica che piange il salto è lungo e mette i brividi, specie se si considera che, dopo l’Empoli, i bergamaschi affronteranno la Reggina (mercoledì) e l’Atalanta sabato prossimo. Roba da brividi. Ma le squadre di Mondonico spesso si esaltano nelle difficoltà, mai così grandi come in questo scorcio di stagione. Squalificati Foglio e Luoni, ai box Torri, Bombardini, Regonesi, Cocco, Geroni, Salvi, Manzoni e Pesenti la formazione da opporre ai toscani non può presentare particolari incertezze. L’unico dubbio riguarda la difesa: schieramento a tre o a quattro? Mondonico si è riservato di decidere all’ultimo, ma è probabile che il compito di contrastare l’attacco dell’Empoli tocchi a Sala, Passoni e Bergamelli, protetti ai lati da Zenoni, a destra, e Piccinni, a sinistra. A centrocampo ci sarà senz’altro il debutto di Mingazzini che torna sul campo dove anni fa, con la maglia dell’Atalanta, ha conosciuto gli onori della serie A
Probabili formazioni:
Albinoleffe (3-5-1-1): Tomasig; Sala, passoni, Bergamelli; Zenoni, Previtali, Mingazzini, Hetemaj, Piccinni; Grossi (Cissé); Momentè.
Empoli (4-3-2-1): Handanovic; Vinci, Mori, Marzoratti, Gotti; Moro, Musacci, Valdifiori; Nardini, Fabbrini; Coralli
Arbitro: Alessandro Ruini, 34 anni, di Sassuolo, alla sesta direzione in serie B