Il mondo a Pila, per la 2 giorni di downhill e 4cross

In agosto Pila diventerà il centro del mondo mtb. Per l’esattezza il 20 e il 21 la solare cittadina aostana organizzerà infatti una «duegiorni» di downhill e 4cross, decisiva per i successivi Mondiali di Livigno. La presentazione dell’evento avverrà dopodomani, martedì, alla presenza di di Corrado Herin, iridato nel ’97, degli azzurri di 4cross, degli amministratori e dei responsabili di Pila spa, a testimonianza della vocazione di Pila per gli sport e per questo, in particolare. Parlando di mtb, sono da sottolineare infatti le quattro piste con strutture fisse nel terreno in grado di appagare differenti livelli di competenza. Grazie alla consulenza di Herin, ogni anno vengono fatte migliorie ai tracciati che si sviluppano lungo la pista del Bosco, servita dalla seggiovia di Chamolé (partenza 2.311 mt, arrivo 1.860): uno è di dh molto tecnico, per i più esperti, gli altri tre di free-ride accessibili a tutti coloro che vogliano assaporare il brivido della velocità.
Per a quelli, più pigri, che desiderano, invece, godersi gli itinerari che seguono le strade interpoderali con vista sui 4000 aostani, esistono decine di piste tra prati e boschi. I bikers possono caricare le bici sulla cabinovia che sale da Aosta e quindi sulla seggiovia di Chamolé, dove proprio alla partenza si trova un attrezzato centro per noleggio sia di bici che di equipaggiamento tecnico. Il trasporto è gratuito e per i bikers esistono appositi abbonamenti giornalieri (itinerari a scelta e notizie particolareggiate su www.pila.it).
Ritornando a parlare di agonismo, la pista di dh, comunque inalterata nelle sua difficoltà, sta per essere «rivista» da Herin perché la neve degli ultimi giorni potrebbe avere rovinato qualche passaggio: l’altitudine, di cui abbiamo detto, il dislivello, 526 mt in 2.6 km, il fatto che tutti i migliori atleti del mondo saranno presenti, farà della gara di Pila l’evento dell’anno. Quando al 4cross, si tratta di una disciplina giovane che unisce forza, spettacolo e spericolatezza. La gara si svolge in pochi attimi, con tensioni altissime e spesso senza esclusione di colpi. Garanzia di divertimento.
Herin e Guido Reguto, direttore della stazione di Pila, attendono di svelare gli ultimi dettagli sulla corsa: l’arrivo potrebbe addirittura essere (e sarebbe un’esclusiva) nella piazza della struttura alberghiera di Pila.

Annunci

Altri articoli