25enne arrestato per l'incidente chimico all'aeroporto di Londra

Rilasciato su cauzione, dovrà comparire di fronte a un giudice a novembre

Due persone erano finite ricoverate e 25 erano state medicate all'aeroporto, quando un incidente chimico si era verificato al "City airport" di Londra.

Difficoltà respiratorie, dovute forse all'utilizzo di un lacrimogeno: questa la ricostruzione finora effettuata dagli inquirenti su quanto accaduto lo scorso venerdì, quando passeggeri in attesa del decolo avevano acusato malori dopo avere inalato le sostanze chimiche nel piccolo scalo della capitale britannica.

Ora un 25enne è stato tratto in arresto per "aver usato una sostanza nociva per causare gravi danni" nello scalo nel cuore dei Docklands. Il giovane, bloccato a est della capitale e interrogato dalla polizia, è poi stato rilasciato su cauzione. A novembre comparirà davanti alle autorità

Venerdì tutti i voli di linea erano stati sospesi a causa di quanto accaduto, con arrivi deviati su altri scali e 500 passeggeri evacuati. Allora non era stato subito chiaro se la diffusione dei gas che avevano provocato difficoltà respiratorie fosse stato intenzionale o piuttosto accidentale.