Airbus, uno dei piloti era rimasto chiuso fuori dalla cabina

La porta chiusa, poi il tentativo di riaprirla forzandola: uno dei piloti era fuori dalla cabina e l'altro era da solo al comando

Era rimasto chiuso fuori dalla cabina al momento in cui l’aereo ha iniziato a precipitare uno dei due piloti dell’Airbus A320 della German Wings schiantatosi martedì matina sulle alpi francesi, causando la morte di tutte le persone a bordo. È quanto rivela il New York Times citando estratti delle registrazioni della scatola nera ritrovata, quella che registra i colloqui in cabina Nel nastro che ha registrato gli ultimi 8 minuti fatali in cui l’arero è sceso in quasi in picchiata da 38.000 a 6.000 piedi si sente il pilota "all’esterno bussare (prima) leggermente sulla porta senza ricevere alcuna risposta e poi con forza ma sempre senza ricevere una risposta, che non c’è mai stata. (Ad un certo punto) si sente come abbia di fatto tentato di abbattere la porta (blindata su tutti i voli di linea da dopo l’11 settembre)".

La fonte citata dal Nyt sottolinea che il dato è un particolare molto importante ma che ancora manca una spiegazione del perchè l’A320 sia precipitato. "Non sappiamo ancora perchè uno dei due (piloti) fosse uscito fuori dalla cabinma l’unica cosa certa è che negli ultimi minuti di volo l’altro pilota (quello rimasto ai comandi) era solo e non ha aperto la porta". Il comandante di bordo che si trovava nella cabina di pilotaggio e il copilota che si trovava all’esterno. Prima di essere separati, i due uomini si esprimevano in tedesco.

Tra le ipotesi due sono le più accreditate: che il pilota rimasto all’interno sia stato colto da un malore e non sia stato più in grado di sbloccare (con l’interruttore posto sul quadro comandi) la porta (blindata su tutti i jet commerciali dopo l’11 settembre) o che - ipotesi definita "atroce" da Cnn - si sia trattato di un atto deliberato di terrorismo, una missione suicida. Ipotesi, quest’ultima, finora non esclusa dalle autorità ma ritenuta altamente improbabile.

Intanto Lufthansa non conferma che al momento dell'incidente del volo Germanwings, uno dei piloti si trovava fuori dalla cabina di pilotaggio, come rivelato da una fonte al New York Times. Parlando all'agenzia di stampa tedesca dpa, un portavoce della compagnia ha fatto sapere "di non avere attualmente alcuna informazione che possa confermare la notizia del New York Times", in riferimento all'esclusiva pubblicata nella notte italiana dal quotidiano statunitense. Ciononostante, la compagnia ha promesso di raccogliere tutte le informazioni possibili sulla tragedia avvenuta sulle Alpi francesi e costata la vita a 150 persone. Ha chiesto per ora di non dare adito a "speculazioni" sulle cause dell'incidente.

Commenti

edo1969

Gio, 26/03/2015 - 08:15

si' ma ora arriva l'esperto albertzanna a dirci che si è sentito allahakbar

TheSchef

Gio, 26/03/2015 - 08:47

il malore del pilota non spiega tuttavia la lunga discesa dell' A320 dato che normalmente il volo è gestito dal pilota automatico.

scarface

Gio, 26/03/2015 - 08:53

Qualche informazione sul pilota rimasto in cabina ?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 26/03/2015 - 08:58

Questa poi... Il pilota che esce e non può più entrare. Ma possibile che la porta non abbia un dispositivo di sicurezza o emergenza?

ilritornodigesù2000

Gio, 26/03/2015 - 08:58

Una telecamera interna, nella cabina di pilotaggio, no...............? Poi queste scatole nere non capisco a cosa servono, non si potrebbe mettere un collegamento internet con la terra per monitorare di continuo l'ambiente della cabina. Non capisco tanta tecnologia e poi una porta che rimane chiusa.....

angelomaria

Gio, 26/03/2015 - 09:02

BUONGIORNO E BUONTUTTO A VOI CARI LETTORI E DIREZIONE INALTRO TRISTE GIORNO !!MALESSERE O TERRORISMO??IL MISTERO S'INFITTISCE RESTANO I COPI INANIMI PACE ALL'ANIMA LORO CONDOLIANZE VANNO A GENITORI AMICI MAESRI INSOMMA A CHI DIDOVRE!

Ritratto di apasque

apasque

Gio, 26/03/2015 - 09:08

Io vorrei sapere come mai Obama, a poca distanza dalla tragedia, abbia potuto affermare che non SI TRATTAVA DI TERRORISMO! Obama mi fa sempre più paura!

blackbird

Gio, 26/03/2015 - 09:22

Nei voli di Ryanair, quando uno dei due piloti esce dalla cabina, ci entra una hostess, proprio per poter riapriela porta in casi di malore del pilota rimasto solo ai comandi. Strano che questa semplice precauzione, dopo l'installazione delle porte blindate, non sia stata adottata della compagnia tedesca. Se il pilota rimasto solo avesse avuto un malore, c'è il pilota automatico che di fatto porta l'aereo fino a destinazione, non lo fa certo precipitare!

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Gio, 26/03/2015 - 09:35

penso terrorismo.Ma le radio i cellulari non funzionavano?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 26/03/2015 - 09:37

Tra le ipotesi non escluderei il suicidio pluriomicida del pilota senza finalità di terrorismo. Esiste un precedente avvenuto in Indonesia nel 1997.

java

Gio, 26/03/2015 - 09:41

non ho idea di cosa sia successo ma ho la certezza assoluta che i nostri governanti corrotti sarebbero disposti a insabbiare la cose piu' turpi (incluso atto di terrorismo o suicidio del pilota) per difendere i soliti concetti di sinistra. Come mai non sono emersi i nomi dei piloti? o le loro storie personali? qualcosa da nascondere?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 09:42

3 capi di stato che si riuniscono in fretta e furia lo fanno per una sola cosa: CONCORDARE UN INSABBIAMENTO.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 09:43

E' provato che ormai un aereo può essere comandato a distanza, ESCLUDENDO ogni possibilità di intervento dei piloti. E' probabilmente quanto accaduto anche al volo MH370. Ovviamente ciò può esser fatto solo da servizi segreti.... non certo beduini.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 26/03/2015 - 09:44

Italia Nostra: No, altrimenti qualsiasi terrorista potrebbe utilizzare gli stessi dispositivi di sicurezza o emergenza per accedere alla cabina di comando. La porta blindata inaccessibile dall'esterno su tutti i voli commerciali è una realtà dopo l'undici settembre.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 26/03/2015 - 09:44

Questa è veramente forte!!.....Non me la bevo!!!

Holmert

Gio, 26/03/2015 - 09:48

Ho sentito in un dibattito TV una ipotesi plausibile. Il pilota ,con il beneficio del dubbio, era in attesa di essere licenziato a breve. Ed allora, preso dalla disperazione,approfittando della momentanea assenza del collega(forse andato in bagno) si è blindato dentro e preso dalla disperazione per la perdita del posto, si è buttato a capofitto contro le montagne. Insomma una specie di muoia Sansone etc. Si spiega così l'inspiegabile, nessun tecnico trova una soluzione per un aereo sceso a bassa quota e diretto velocemente verso la catastrofe senza tentare un qualcosa,secondo le regole di volo. E' solo una ipotesi che ho sentito.

SCHIZZO

Gio, 26/03/2015 - 09:49

@blackbird- ma da due giorni a quest'oggi tu credi a quel che finora è stato scritto, o aspetteresti i dati delle scatole nere?!

windpd

Gio, 26/03/2015 - 09:49

sul primo pilota ci e' stato detto qualcosa, perche' ancora nulla sul secondo?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 09:50

Questa versione puzza di menzogna lontano 10 km

Dordolio

Gio, 26/03/2015 - 09:51

Ero un frequent flyer una ventina di anni fa. Curioso chiesi un giorno (volo Alitalia) di mostrarmi la cabina di pilotaggio. Eravamo PRIMA dell'11/09, l'aereo era a terra e mi accontentarono. Non ebbi il coraggio di chiedere: "Non vedo bagni...se vi scappa la pipì che fate"? Attualmente a quanto leggo l'equipaggio rimane isolato nella cabina di guida tutto il volo...e se nel caso in questione uno avesse avuto una necessità impellente... e il pilota rimasto ai comandi si fosse sentito male, senza che il collega riuscisse a rientrare? Così si spiegherebbe tutto. Se era un terrorista - scusate - si sarebbe schiantato su una città, non contro una montagna... Un'idea banale la mia - certo - però.....

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Gio, 26/03/2015 - 09:51

Come ho già detto ieri, l'unica certezza per adesso è che sia tutto molto strano! Niente problemi al carrello o decompressioni esplosive (ipotesi ridicole). Adesso sembra che uno dei 2 piloti fosse chiuso fuori dalla cabina di pilotaggio. Era fuori proprio nel momento in cui il pilota ai comandi ha avuto un ictus (perché per un infarto è difficile che non si riesca a fare più niente in 1 secondo)? E' stato chiuso fuori dall'altro pilota per suicidarsi indisturbato (con strage di innocenti compresa)? E' stato sbattuto fuori da qualcuno che poi ha messo fuori gioco il pilota e ha compiuto il "martirio"? Scatole nere con "parti mancanti"? Come mai anche adesso che è stata resa pubblica questa importante notizia relativa al "pilota chiuso fuori dalla cabina", non ci sono notizie su chi erano i due piloti e i membri dell'equipaggio? Mah...

Ritratto di SellaDelDiavolo

SellaDelDiavolo

Gio, 26/03/2015 - 09:52

Riporto, tradotto, quanto indicato su un sito australiano ( http://www.smh.com.au/business/aviation/germanwings-plane-crash-a320-pilot-says-copilot-can-be-locked-out-of-cockpit-20150326-1m82vb.html ), dove un non identificato pilota di Airbus 320 spiega che, per entrare in cabina di pilotaggio di un Airbus 320 esiste un codice da inserire su una tastiera all’esterno della cabina. Una volta inserito il codice corretto, la porta si apre automaticamente dopo 30 secondi, a meno che durante questo tempo (i 30 secondi), l’apertura non venga inibita volontariamente dall’interno della cabina.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Gio, 26/03/2015 - 09:52

Quello che so è che in poche ORE sono già state analizzate le conversazioni in cabina di pilotaggio e alcune loro risultanze sono anche state comunicate pubblicamente. A nessuno viene in mente come mai dopo 9 mesi i "geni" olandesi/inglesi non siano ancora riusciti a dire niente almeno sulle conversazioni in cabina di pilotaggio al momento del disastro del volo MH17? Non sono cose da "interpretare", sono cose solo da ascoltare e trascrivere... Il diritto di veto di Kiev (degli USA in realtà) al rilascio di QUALSIASI informazione senza il benestare DEL PARLAMENTO è già stato esercitato da lungo tempo; e il bello che questa indecenza sta bene anche alle autorità delle nazioni che hanno avuto molti loro cittadini tra le vittime !di quel disastro Come fanno i familiari delle vittime, e chiunque abbia un minimo di dignità, ad accettare tutto questo?

baio57

Gio, 26/03/2015 - 09:54

Dreamer, infatti ad Omnibus questa mattina si ventilava questa ipotesi ,in relazione anche ad un "possibile" declassamento del pilota prossimamente relegato a terra . Sicuramente ipotesi suggestiva,ma a questo punto possibile.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 26/03/2015 - 09:54

La cosa stranissima e mai successa prima, è che tre capi di stato si sono recati sul luogo dell'incidente. Cosa hanno saputo dai loro servizi di intelligence? Ho paura che non ci stiano dicendo tutto. Inoltre, come ho già scritto, proprio Hollande e Merkel andarono a parlare con Putin all'insaputa di Obama ed ora un aereo tedesco cade in suolo francese. Possibile coincidenza certo, se davvero di coincidenza si tratta però...

pol

Gio, 26/03/2015 - 09:55

@ilritornodigesù2000: Videocamera - proposta da NTSB nel 2008, FAA ha deciso di non renderla obbligatoria (molti piloti avevano protestato riguardo l'installazione della videcamera). Trasmissione dati - avviene gia' ora per scopi principalmente di monitoraggio / manutentivi, trasmissione che avviene per certi parametri e ad una certa frequenza. Le scatole nere registrano molti piu' dati a frequenze molto piu' elevate. Trasmettere tutto sarebbe molto molto difficile e comunque non rilevante (le scatole nere servono solo in caso di incidente, per la normale attivita' basta quanto gia' trasmesso attualmente). Porta - e' dall'11/09 che sono state introdotte porte blindate senza serrature esterne per evitare quanto successo allora (in USA per' se un pilota esce dalla cabina, un altro membro dell'equipaggio lo rimpiazza mentre un altro "blocca" l'accesso alla porta della cabina.

Ritratto di SellaDelDiavolo

SellaDelDiavolo

Gio, 26/03/2015 - 09:56

Per Dreamer_66: esiste anche un altro caso più recente di suicidio del pilota, quello del volo 470 in 2013 in Namibia, dove il pilota fece perdere quota all'aereo subito dopo che il copilota era uscito dalla cabina di pilotaggio.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 10:04

E' ovvio che vogliano attribuire tutta la responsabilità a un pazzo.... è comodo. Questo è un lavoro criminale di un servizio segreto. Ed è per questo che quei 3 si sono riuniti...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 10:05

Il precendente del volo Silkair è un altro mistero... liquidato come "suicidio" dagli USA. Ma l'Indonesia non la pensava così.

linoalo1

Gio, 26/03/2015 - 10:11

Mi pare evidente che noi,esseri comuni,non sapremo mai la verità!Merkel e C. che,molto stranamente,sono andati sul campo,sanno già tutto!Comunque,questa indiscrezione sui Piloti,lascia aperti molti dubbi!Dirottamento o peggio?Forse,solo i nostri nipoti riusciranno a saperlo!Lino.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 26/03/2015 - 10:16

Anche nell'ipotesi migliore, un improvviso malore del pilota che lo abbia reso incapace di agire, questo disastro è colpa del terrorismo dato che determinate misure di sicurezza (come le porte blindate) sono state introdotte dopo l'11 settembre

Ritratto di SellaDelDiavolo

SellaDelDiavolo

Gio, 26/03/2015 - 10:18

Riporto, tradotto, quanto indicato su un sito australiano (smh com au), dove un non identificato pilota di Airbus 320 spiega che, per entrare in cabina di pilotaggio di un Airbus 320 esiste un codice da inserire su una tastiera all’esterno della cabina. Una volta inserito il codice corretto, la porta si apre automaticamente dopo 30 secondi, a meno che durante questo tempo (i 30 secondi), l’apertura non venga inibita volontariamente dall’interno della cabina.

entropy

Gio, 26/03/2015 - 10:19

@blackbird: e chi lo dice che non sia stata adottata ? Magari la chiave è proprio quella. Schettino docet.

ortensia

Gio, 26/03/2015 - 10:20

Di che nazionalita' sono i due piloti?

Raoul Pontalti

Gio, 26/03/2015 - 10:25

#apasque probabilmente perché i terroristi, che agiscono di norma per impulso e sotto controllo USA, non avevano avuto disposizioni per un attacco in Spagna ad un aereo tedesco....O più semplicemente perché i servizi di intelligence USA non avevano avuto sentore di imminenti attacchi di quel tipo in quel settore e ad avevano ottenuto informazioni precise sulla lista dei passeggeri e delle modalità di controllo nell'aeroporto di Barcellona.

SCHIZZO

Gio, 26/03/2015 - 10:27

Finora l'unica cosa certa è che l'aereo e caduto e sono morti tutti, il resto chiacchiere e teoremi!

Ritratto di Gelsyred

Gelsyred

Gio, 26/03/2015 - 10:30

Fuori i nomi dei piloti!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 26/03/2015 - 10:43

Al di la di ogni ipotesi del menga complottistico dei soliti noti è colpa in ogni caso dell'Islam attentatore per le contromisure adottate negli aerei di linea. Poche balle, a uno dei due piloti, che si era assentato dal posto di pilotaggio per ragioni sue, magari fisiologiche, è stato impedito di rientrare per suddette precauzioni contro I Sacri Attentatori Islamisti attualmente in opera.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 10:55

Dopo 9 mesi ancora gli inglesi non hanno letto il contenuto delle scatole nere del volo MH17? dai... CHI SE LA BEVE??? forse sono verità scomode al mondo "libero" angloamericano?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 11:01

Galaverna ha già deciso che è colpa dell'islam...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 11:03

I Boeing hanno il controllo non revocabile (uninterruptible autopilot), in pratica l'aereo può esser pilotato da autorità a terra e sottratto al controllo dei piloti. Ora.... Airbus non ce l'ha? e perché non è stato usato? Hanno lasciato che avvenisse lo schianto o l'hanno proprio causato loro... ovviamente: servizi segreti.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 11:04

Esiste un accordo di "non divulgazione" sul volo MH17. I governi olandese e ucraino hanno concordato che nulla emergerà dall'inchiesta se non col loro consenso.. Rendiamoci conto di chi ci governa.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Gio, 26/03/2015 - 11:07

concordo con dreamer_66. Questa è l'ipotesi più realistica; come detto giustamente da dreamer in passato ci sono stati episodi in cui il pilota ha deciso di suicidarsi con tutto l'aereo o dipendenti della compagnia aerea licenziati o prossimi al licenziamento che hanno tentato di far precipitare l'aereo. Alla fine i piloti sono esseri umani con pregi e difetti. Una cosa è certa, se sarà dimostrato che è stata un'azione del pilota occorrerà rivedere i sistemi di sicurezza del personale e rendere più automatizzato l'aereo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 11:20

I tedeschi erano appena entrati nella Banca Asiatica degli investimenti e delle infrastrutture... sgradita a Washington... si sa... fare cose sgradite a Washington porta sfortuna...

blackbird

Gio, 26/03/2015 - 11:26

@Mario Galaverna concordo1 Va tenuto presente anche il gravissimo pericolo che i piloti, chiusi in cabina si addormentino, come rileva un'inchiesta inglese di qualche mese/anno fa! Pare che accada in moltissimi voli e che alle volte si addormentino entrambi! La sicurezza alle volte può uccidere.

ilritornodigesù2000

Gio, 26/03/2015 - 11:36

@POL Videocamera -TRASMISSIONE DATI Grazie POL, Quindi era stata proposta......, si capisco anche i piloti si sentirebbero troppo controllati. Ci sarebbero comunque delle soluzione per tutelare i piloti, le registrazioni potrebbero andare su un server, e le credenziali potrebbero essere posseduto solo dal pilota stesso, cosi, solo in caso di incidente si potrebbe accedere ai contenuti, oppure in caso di guasti importanti. In questo modo non si dovrebbe aspettare di trovare una scatola nera, anche se questa potrebbe sempre rimanere e come backup. Inoltre servirebbe anche una videocamera esterna che riprenda il luogo dell'incidente. Adesso quando l'areo cade non si sa proprio niente se non si arriva sul posto, ma ci rendiamo conto? Anche per la trasmissione dati si potrebbe fare di più.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 26/03/2015 - 12:07

@Dreamer_66 - Lo so bene, ma esistono altri sistemi (iris scan oppure impronte digitali) per assicurare che il pilota possa rientrare e sbloccare la porta. Una compagnia da quattro soldi come la Ryan (che quanto a sicurezza lascia molto a desiderare) ha come procedura in tali casi, un/una hostess in cabina aggiunta al pilota proprio per evitare situazioni simili. @ORTENSIA - non ce lo dicono e probabilmente è la ragione per la quale tre capi di stato si sono recati sul luogo del disastro. È possibile che uno dei due piloti fosse un islamico? Poi perché tutti gli equipaggi Germanwings si rifiutano di volare? Cosa sanno loro che a noi non vien detto?

plaunad

Gio, 26/03/2015 - 12:09

Trovo strano che si sappia tutto sui passeggeri e nulla, assolutamente nulla circa il personale di bordo. Conoscere i nomi e la storia di chi comandava quel velivolo dovrebbe essere la cosa piú semplice.

plaunad

Gio, 26/03/2015 - 12:13

A me i complottisti politici fanno scompisciare dalle risate. Scommetto che sarebbero pronti a dire che in effetti Abele non fu ucciso dal fratello Caino ma che in realtá quest'ultimo era un agente segreto della CIA in collaborazione col Mossad e l'aiuto dei Servizi deviati.

GinoMa51

Gio, 26/03/2015 - 12:19

Ha ragione il lettore che si è espresso sull'argomento scatole nere. Tanta pubblicità sulle scatole nere e poi non sono mai servite a niente. Siamo andati sulla luna da ormai 50 anni e ancora oggi, nell'era di Internet, non si riesce a mettere su un sistema che connetta gli aeromobili con una stazione a terra che riceva in tempo reale le comunicazioni a bordo ??????? MA NON FATEMI RIDERE!!!!!!!

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Gio, 26/03/2015 - 12:37

L'ho già puntualizzato ieri nei miei primi commenti: come mai non hanno ancora comunicato NIENTE su piloti e personale di bordo? "Innocente" suicidio con volontà di strage annessa? Se ci credete voi! Infrazione di tutte le rigorose procedure di sicurezza relative a quando uno dei due piloti lascia la cabina di pilotaggio con un fantozziano "restare chiuso fuori" proprio mentre al pilota rimasto gli viene un ictus devastante con paralisi istantanea? Se ci credete voi! E poi, tutti concentrati sui piloti... e se proprio il membro dell'equipaggio, che deve entrare in cabina quando uno dei due piloti la lascia, fosse un tedesco di seconda o terza generazione da esuli arabi? Come quelli di Parigi, Londra, ecc...? Dov'è finito il "comamdante" della decompressione esplosiva e perdita istantanea di conoscenza per tutti? L'ho detto e lo ripeto: questa storia puzza come un mercante della Kasbah....

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Gio, 26/03/2015 - 12:43

Noto, con immenso orgoglio, che il saputellismo italiano non si ferma alle tecniche calcistiche. ma spazia espertamente in tutte le gamme dello scibile. E con sicurezza, s'addentra pure nell'ignoto. Che enorme vanto, mondiale, il nostro bla bla bla!

edo1969

Gio, 26/03/2015 - 12:49

Ausonio - 11:20 come al solito ci vedi giusto. L'ipotesi più realistica è: Obama ha incaricato la CIA e l'MI6 di mandare un drone a forma di cicogna che ha bussato al finestrino e ha detto "pacchetto per il copilota" ed era una mini-bomba nucleare-magnetica che ha intontito i piloti. Tutto ciò con l'appoggio del Mossad e del Bildenberg così i tedeschi imparano a entrare nella banca asiatica, tié.

Pitocco

Gio, 26/03/2015 - 13:02

C'entra poco con l'articolo, ma avete notato il luogo del disastro, gli innumerevoli pezzi del velivolo sulla scena: - Airbus A320: alto 11,76 m. - lungo 37,57 m. - largo 34,10 m. Questo fatto mi ha fatto pensare al velivolo "entrato nel Penatgono": - Boeing 757: alto 13.56 m. - lungo 47,32 m. - largo 38,05 m del quale sul prato non si scorse che qualche piccolo rottame ed un buchetto di appena 4 metri sulla parete dell'edificio. Fa pensare, no? Lì in Francia una miriade di rottami, lì sul Pentagono quasi nulla...

maxirocco

Gio, 26/03/2015 - 13:07

Mi sembra che in Germania succeda spesso che tutte le responsabilità si addossino a una sola persona - che poi si suicida, guarda caso..

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Gio, 26/03/2015 - 14:12

Ah, l'impazienza! Prendete uno posato ed informato come ilSaturato, uno che sulle cose ci ragiona. Anche lui però è preso dall'impazienza e si lamenta, chiede come mai non siano state pubblicate ancora le biografie dei piloti. Si lamenta della lentezza. Salvo poi stupirsi del contrario. Sono stati troppo veloci nel decodificare le voci. IlSaturato sospetta di tutto e di tutto, della lentezza e della velocità. E ovviamente, anche se poi è emerso che il copilota è tedesco e si chiama Andreas, ilSaturato riflette, chissà, magari è arabo di terza, quarta generazione. Magari ha avuto una fidanzata araba. O forse era di sinistra. Già, questo spiegherebbe tutto....

santecaserio55

Gio, 26/03/2015 - 14:53

Meno male che ci sono IlSaturato e Galaverna che con la palla di vetro ci raccontano cosa è successo veramente . Sono stati quelli del ISIS !. Sempre gli stessi , anche per Ustica Vanna Marchi, maestro Donascimento . Tornate! ci mancate tanto

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/03/2015 - 14:56

edo1969 la mia era una battuta in realtà... comunque la sua è stata più simpatica

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 26/03/2015 - 17:19

santecaserio55. eppure scrivo in italiano. Affermo senza tema di smentita che le MISURE DI SICUREZZA che hanno causato la tragedia sono da attribuirsi al TERRORISMO ISLAMICO. Non ho mai affermato che sono stati gli islamici. Se poi vuoi capire i classici fiaschi per fischi capperi tuoi.

santecaserio55

Gio, 26/03/2015 - 21:59

Galaverna_ Se A320 è precipitato perchè il pilota è impazzito è a causa delle "MISURE DI SICUREZZA da ATTRIBUIRSI AL TERRORISMO ISLAMICO". I fiaschi sono quelli che ti bevi, e i fischi sono quelli che ti entrano in un orecchio e escono immediatamente dall'altro senza trovare ostacoli

Ritratto di tommy357

tommy357

Dom, 29/03/2015 - 15:01

leggo su ogni testata cronisti disperati che spiegano il funzionamento della porta blindata e dei vari livelli di apertura, delle ipotesi di due o tre piloti in cabina , etc. Perdonatemi, ma non sarebbe più semplice realizzare un WC in area accessibile direttamente dalla cabina di pilotaggio? Una sorta di WC -riservato ai piloti all'interno dell'area di sicurezza?