Nuove conferme sui passeggeri dell'Airbus caduto in Francia

Solo domani l'identificazione dei corpi. Intanto Londra, Astana e Città del Messico confermano la presenza di cittadini a bordo

Sorvolando l'area dove si è schiantato l'Airbus della Germanwings si vedono i corpi delle vittime. Sono là, morti sul suolo francese, in un incidente avvenuto mentre volavano verso Dusseldorf. I soccorritori hanno detto solo questo, per rispetto delle famiglie dei morti. Ma nel frattempo, in mancanza di una lista completa, si moltiplicano i dettagli su chi c'era a bordo dell'aereo.

Già ieri molto si era detto su alcuni dei passeggeri. Tra coloro che si trovavano a bordo c'erano sicuramente due insegnanti e sedici studenti dell'istituto tedesco Joseph-Koenig-Gymnasium di Haltern Am See, tra Dusseldorf e Dortmund. Tornavano da uno scambio culturale in Spagna. Ma a bordo c'era anche Oleg Bryjak, un noto baritono tedesco che tornava da una serie di spettacoli al Gran Teatre del Liceu di Barcellona.

Almeno tre dei passeggeri erano di nazionalità britannica. Lo ha confermato oggi il segretario agli Esteri del Regno Unito, Philip Hammond, senza però escludere che a bordo ci siano altri concittadini di cui al momento non sia notizia.

Altri tre erano messicani, a quanto ha detto il governo. Poi tre del Kazakistan, di cui parla Le Figaro, citando il ministero degli Esteri di Astana. Le conferme si rincorrono, ma fino a domani non si saprà nulla di più preciso. Bisognerà aspettare ancora ventiquattr'ore prima che si dia il via all'identificazione dei cadaveri.