Allarme foreign fighter: ora l'Inghilterra rischia un attacco chimico

I foreign fighter rientrano nel Regno Unito dopo aver combattuto in Siria e Iraq. I servizi inglesi: "Potrebbero preparare bombe al cloro"

La Gran Bretagna rivive l'incubo del terrorismo islamico. Cresce, infatti, la minaccia di un attacco con armi chimiche condotto dai jihadisti dello Stato islamico che rientrano nel Regno Unito dopo aver combattuto in Siria o in Iraq. Secondo alcuni esperti di sicurezza, citati dal Times, potrebbero essere preparate bombe al cloro. Una sostanza che, secondo l'intelligence inglese, si può trovare facilmente e in larghe quantità nel Paese.

Il colonnello Hamish de Bretton-Gordon, uno dei maggiori esperti britannici in guerra chimica, ha chiesto a Buckingham Palace di introdurre "controlli più severi" sulla vendita di cloro. Questo prodotto chimico molto comune viene usato, ad esempio, come disinfettante in particolare per l'acqua. Ma, spiegano gli esperti, potrebbe essere letale se inalato. Una bomba al cloro costruita "in casa" potrebbe causare una strage se fatta esplodere nella metropolitana di Londra, in una stazione ferroviaria o un centro commerciale. In Iraq i militanti creano bombe improvvisate al cloro utilizzando parti dei frigoriferi.