Un altro Aylan, annegato per fuggire dalla violenza in Birmania

In un'intervista alla Cnn la storia del bambino, annegato per la persecuzione

Sedici mesi, una fuga disperata dalla Birmania che opprime i rohingya e una fine che ricorda molto da vicino, quella di Aylan Kurdi, la cui foto finì su tutti i giornali quando il bambino fu trovato senza vita sulle coste della Turchia, scappato dalla Siria della guerra civile.

È Mohammed Shohayet il bambino ritratto in una fotografia altrettanto drammatica, pubblicata dalla Cnn, che intervista il padre e spiega come la sua famiglia stesse scappando in Bangladesh, per sfuggire dalla violenza nello Stato di Rakhine, dove la minoranza musulmana è spesso vittima di persecuzione.

Il corpo di Mohammed è stato trovato nel terreno limaccioso che costeggia un fiume, in cui è affogato insieme alla madre, a uno zio e al fratellino di tre anni.

"Nel nostro villaggio gli elicotteri ci hanno sparato addosso e i soldati hanno aperto il fuoco su di noi", ha raccontato alla Cnn il padre, Zafor Alam, che aggiunge come il luogo sia poi stato dato alle fiamme dai militari, costringendoli a nascondersi nella giungla.

Alam ha raggiunto il Bangladesh nuotando nel Naf, al confine tra i due Paesi. Ma nel frattempo aveva perso contatto con la sua famiglia, braccata dai militari nella foresta per giorni. Quando anche loro hanno tentato di scappare, i soldati birmani hanno aperto il fuoco sui fuggiaschi. Una barca li ha caricati in fretta e furia, solo per affondare, gravata dal troppo peso.

"Solo il fiume sa quanti morti giacciano sul fondo", dice il padre di Mohammed. Nelle ultime settimane, secondo l'Organizzazione internazionale per la migrazione, almeno 34mila persone hanno tentato la traversata.

Commenti

VittorioMar

Gio, 05/01/2017 - 12:42

...CHE VERGOGNA!!...NON IL BAMBINO MA LA FOTO!!!

Prinzepo

Gio, 05/01/2017 - 12:47

Chissà Dio cosa avrà in serbo per voi che state seminando morte ovunque nel mondo...

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 05/01/2017 - 12:50

----------altro nobel dato a cavolo---ad una persona che dei diritti umani se ne fa un baffo-----ogni giorno di più acquisiscono nobiltà d'animo quelle persone che il nobel o lo hanno rifiutato o lo hanno snobbato----hasta

Tuthankamon

Gio, 05/01/2017 - 15:00

Sarà casuale che in un momento di (qualche) effettiva pressione contro l'aggressività islamica, compare un bambino morto che si chiama Mohammed. Permettetemi qualche serio dubbio!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 05/01/2017 - 16:19

Squallida propaganda... ormai conosciamo bene come i media internazionali fabbrichino simili foto. Oscene strumentalizzazioni per condizionare le coscienze. Occidente VELENOSO

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 05/01/2017 - 16:20

La Birmania FA BENISSIMO. E' un paese buddista. FUORI GLI ISLAMICI, lascito dei britannici che hanno sempre promosso stati multirazziali e multireligiosi perché simili stati sono instabili e quindi facili da controllare (vedasi Iraq, Siria ecc...). Il solito DIVIDE ET IMPERA dell'imperialismo angloamericano.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 05/01/2017 - 16:26

E come nel caso di Aylan si tratta di una manovra propagandistica per impressionare le greggi e far leva sulle emozioni per imporre la propaganda mondialista. QUESTA E' SPAZZATURA DEGNA DELL'URSS.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 05/01/2017 - 16:27

E vi dico anche perché è la CNN ad assalire la Birmania. La Birmania sta stringendo rapporti sempre più stretti coi paesi asiatici e abbandona sempre più gli USA. Ecco quindi la ignobili propaganda delle centrali propagandistiche del regime occidentale, le solite vendette, soliti modi, solito letame.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 05/01/2017 - 16:34

Tra l'altro è evidente che questa sia una strumentalizzazione (è il solito stile menzognero) organizzata dalla centrale mediatica immigrazionista. Del resto.... CNN, signori...

Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Gio, 05/01/2017 - 18:35

VISTO CHE NON E' UNA NOVITA' E CHE QUELL'INUTILE E DISPENDIOSO CARROZZONE CHIAMATO O.N.U ( Osteria Numero Uno ) NON HA MAI DATO SEGNI DI VITA IN MERITO ALLE NUMEROSE MINORANZE BIRMANE MASSACRATE QUALCUNO SI E' PREOCCUPATO DI VERIFICARE LA VERIDICITÀ' DI QUESTA NOTIZIA FACENDO IN LOCO IL MESTIERE DI GIORNALISTA ? ALTRIMENTI E' SOLO L'ENNESIMA BUFALA BEN ORCHESTRATA DA ESPERTI DI PHOTOSHOP. MIO CHIEDO A QUESTO PUNTO QUANDO VEDREMO LA FOTO DI UN BIMBO ITALIANO MORTO ANNEGATO MENTRE ACCOMPAGNAVA IL PADRE A VOTARE PER IL PARTITO DEMOCRATICO ALLE PROSSIME ELEZIONI.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 05/01/2017 - 20:45

--Ausonio---è vero che c'è anche una componente di propaganda soprattutto da quando --nell'estate scorsa il Myanmar ha detto “dasvidania” agli USA ed ha iniziato a firmare contratti con putin sia di carattere economico che militare---ma lo stesso putin in una intervista ha detto che il problema rohingya esiste e va affrontato nel migliore dei modi---è paradossale che la minoranza etnica sia questa volta musulmana --ma esiste una letteratura immensa su come questa etnia e questo popolo sia stato perseguitato da sempre e non ha un posto ove stare--hasta

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/01/2017 - 23:15

E smettiamola una buona volta con la propaganda antislamica con le bufale degli attentati di Parigi, di Nizza, di Berlino, ecc. Rimane il fatto che a morire sono quasi sempre bambini Musulmani!