"Amo i musulmani, potrei farne uno ministro", così Donald Trump punta all'elettorato islamico

La dichiarazione del magnate statunitense ha voluto chiudere le polemiche scoppiate dopo le parole sui musulmani durante un comizio di pochi giorni fa

"Amo i musulmani, sono grandi persone". L'uscita che non ti aspetti dalla persona da cui però, tutto ci si può aspettare.

Donald Trump è riuscito ancora una volta a catalizzare l'attenzione su di sé nell corsa alle primarie repubblicane alla Casa Bianca, oscurando gli altri candidati.

L'antefatto è il comizio tenuto dal miliardario americano nel New Hampshire qualche giorno fa. Un sostenitore era intervenuto dicendo che il presidente Obama è un musulmano, chiedendo po come ci si possa "sbarazzare" di loro. In quell'occasione, Trump non ha risposto a tono al sostenitore né si è dissociato dalle sue dichiarazioni e la stampa americana si è scatenata in un coro di critiche.

L'occasione per redimersi dall'ultima dell'infinito elenco di figuracce a cui ci ha ormai abituati - ultima in ordine di tempo, il commento sulla bruttezza della candidata repubblicana Carly Fiorina, che lo ha asfaltato nell'ultimo confronto tv - è arrivata con l'incontro di un gruppo di studenti in Iowa.

Rispondendo alla domanda di un ragazzo, il magnate candidato alla nomination repubblicana per la Casa Bianca non ha escluso di poter nominare un musulmano ministro se sarà eletto presidente, assicurando: "Certo, non ci sarebbe nessun problema".

Commenti

istituto

Dom, 20/09/2015 - 15:09

Che politico scafato... Non ha detto che in caso di elezione a Presidente avrebbe creato un ministro musulmano , ha solo detto che non poteva escludere di poter nominare un musulmano che é ben altra cosa..... Eh ha preso dalle astuzie dei SINISTRI

albertzanna

Dom, 20/09/2015 - 15:33

Il giornalista Adriano Palazzolo ha le sue simpatie per la candidata Carly Fiorina, ma gli suggerisco di rivedersi tutte le riprese TV e leggersi i commenti dei giornalisti americani relativamente alla classifica di quell'incontro. Potrà scoprire che la Fiorina avrebbe sognato di asfaltare Donald Trump. Ma direi che il palmares che la candidata può vantare è soprattutto basata sulla sua partecipazione alla gara elettorale 2008 di McCain contro Obama, che McCain perse proprio perchè la sua campagna elettorale fu priva di vero mordente. Se ne attribuì la colpa all'età di McCain, dicendo che era troppo vecchio per combattere ad armi pari contro il giovane Obama, ma io in quella campagna c'ero, e come me in tanti vedemmo la sconfitta nella tattica della Carly Fiorina. Giusto per correttezza di informazioner

peter46

Dom, 20/09/2015 - 17:20

Palazzolo...Palazzolo...come l'uscita che non ti aspetti?Ma secondo lei,a precisa domanda si 'gioca' l'appoggio della più consistente, di numero e di business,lobby americana,cioè quella 'islamista'?Non riesce la lobby cattolica-italiana a 'supportarlo' e che deve sperare che arrivi l'israeliana che è 'buon ultima' ad aiutarlo a vincere?

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 20/09/2015 - 17:21

fatelo mettere in culo allora

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 20/09/2015 - 18:15

Beh è sempre meglio un ministro che un presidente musulmano.

Italianoinpanama

Dom, 20/09/2015 - 18:42

un altro che si e bevuto il cervello

Anonimo (non verificato)

alox

Dom, 20/09/2015 - 21:16

Un giorno dice una cosa il giorno dopo deve smentire o precisare...e' ridicolo, il piu' Democratico fra i Rrepubblicani.

Anonimo (non verificato)

gianinca

Lun, 21/09/2015 - 02:21

Asfaltato da Carly Fiorina? ma quale dibattito ha visto? la maggior parte dei polls hanno detto che Trump ha vinto. Poi se non ci fosse stato Trump non credo che il dibattito avrebbe raggiunto uno share televisivo cosi' alto

timoty martin

Lun, 21/09/2015 - 07:29

Cambi mestiere, ha perso.