Tre vittime in un attentato all'aeroporto di Kabul

Un'autobomba è esplosa al passaggio di un convoglio della polizia. Finora non sono arrivate rivendicazioni

Soldati americani sulla scena di un'attentato vicino all'aeroporto di Kabul

Volevano colpire un convoglio militare dell'Europol, la missione di polizia europea che opera in Afghanistan. Lo hanno fatto mettendo un kamikaze alla guida di un'autobomba non lontano dall'aeroporto di Kabul e facendola esplodere proprio mentre passavano gli uomini incaricati dell'addestramento delle forze locali.

Sono tre le vittime dell'attacco. Si tratta di un contractor britannico della missione Eupol e due civili, due donne. Di feriti se ne contano invece una ventina, tra questi anche donne e tre bambini.

"Nel momento dell’attacco sulla scena si trovavano due veicoli di Eupol", ha spiegato il portavoce Aziz Basam. Su twitter è arrivata una dichiarazione che suona come una rivendicazione, da parte di un portavoce dei talebani. Ad aprile gli insorti afghani hanno lanciato la loro offensiva di primavera.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 17/05/2015 - 10:21

Appena la coalizione se ne va i talebani riprendono il potere in due minuti. Milioni di euro, vite umane di soldati occidentali buttati nel cesso per cercare di civilizzare questi trogloditi.

maricap

Dom, 17/05/2015 - 10:29

Fintantoché si opera con i sistemi umanitari, i talebani avranno vita facile, e seguiteranno ad ammazzare. Si deve lavorare con l'intelligence, e una volta acquisiti ed analizzati notizie e dati, sulla loro dislocazione, si bombarda. La zona va poi fatta ripulire immediatamente e completamente da reparti speciali eli-trasportati. Se per spezzare la spada assassina, occorre distruggere prima lo scudo, si faccia senza alcuna remora. Solo così si potrà riportare la pace in quella terra.