Un'autobomba dei talebani ha fatto 35 vittime a Kabul

"Nel mirino uomini dei servizi afgani". Colpito un minibus di impiegati statali

Trentacinque morti, tutti tra la popolazione civile di Kabul, sono morti in un attentato messo a segno con un'autobomba e rivendicato dai talebani che hanno di nuovo preso di mira la capitale dell'Afghanistan, con un attacco nell'area occidentale.

Almeno quaranta i feriti, secondo il portavoce del ministero degli Interni, che non esclude tuttavia il bilancio possa peggiorare.

L'attacco è avvenuto non lontano dall'abitazione del vice capo del governo, Mohammad Mohaqiq. L'esplosione dell'autobomba ha investito in pieno un minibus che trasportava impiegati del ministero del Petrolio, in un quartiere abitato in prevalenza dalla minoranza sciita hazara.

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha chiarito che nel mirino c'erano due autobus che portavano membri della Direzione nazionale della sicurezza, i servizi di intelligence locali.