Un bambino di sette anni violentato e dato alle fiamme in India

È sopravvissuto all'attacco ma ha gravi ustioni sul corpo. È successo alla periferia di Bombay

È una storia di abusi sessuali e di violenza quella che arriva dalla periferia di Bombay, da Pdama Nagar. Qui un bambino di sette anni ha dovuto subire gli abusi di due giovani, che, vista la sua resistenza, non si sono accontentati di questo, ma gli hanno dato fuoco.

Un attacco selvaggio, da qui il bambino è riuscito a salvarsi, ma che gli ha comunque provocato gravi ustioni che coprono il 30% del suo corpo. Ora il piccolo è ricoverato all'ospedale Thane Civil. Intanto la polizia cerca i due aggressori.

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 06/04/2015 - 09:09

Immagino che i MAIALI dell'ONU avranno inviato all'India una vibrante protesta per questa ennesima indecente violenza perpetrata ai danni di un bambino!

vince50

Lun, 06/04/2015 - 09:33

Molto semplicemente,se c'è la pulsione di fare sesso,come la "natura ci ha insegnato"le occasioni non credo manchino.Però chi commette questi abominevoli abusi,per'altro contro natura non è una persona normale.Di conseguenza deve essere messo nelle condizioni "fisiche"di non poterlo rifare.Un cervello che gira storto,continuerà a farlo ritenendolo normale.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 06/04/2015 - 10:14

Grande popolo di una civiltà esemplare. Solo noi gli lasciamo in mano i nostri militari.

Ritratto di lallo11

lallo11

Lun, 06/04/2015 - 11:13

questo è il risultato della politica indiana per favorire la denatalità. Dopo l'ecografia moltissime donne incinte abortiscono se sono in attesa di una femmina che risulta essere solo un peso per la famiglia, soprattutto a causa della dote che devono portare nel futuro matrimonio. Insomma in India mancano le donne, di conseguenza questi ed altri sono i risultati. Molto più furbi sono i musulmani che le giovani bambine le vendono, anche a caro prezzo. In ambedue i casi è uno schifo unico.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 06/04/2015 - 11:34

Questa è la nazione additata da molti dei nostri blogger come la culla del diritto. L'unica titolata a decidere della sorte dei nostri marò.

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 06/04/2015 - 12:05

scassa lunedì 6 aprile 2015 Gli Inglesi usavano il frustino e basta ??? Si vede cosa hanno lasciato ,mentre ...... avessero usato il lanciafiamme avrebbero almeno sfoltito un po ,tanto la barbarie si elimina solo in un modo ,e non è il dialogo ! Purtroppo è' noto che contro la forza del l'ignoranza la ragione non vale un soldo bucato ! Coraggio MARO' ,vi trovate tra l'ideologia comunista,e la barbarie indiana ,auguri !!!!!!!!!!!!!!scassa.

tormalinaner

Lun, 06/04/2015 - 12:15

Gli Indiani sono veramente brutta gente, non meritano rispetto, sono rozzi, sporchi e cattivi.

Attila-65

Lun, 06/04/2015 - 12:17

L'india come paese è una vergogna... E ancora più vergognoso non averli castigati... Il mondo resta a guardare, basta pensare ai Nostri MARÒ???? BOICOTTIAMO L'INDIA