Bangladesh, telefoni degli ostaggi usati per le foto della strage

I sopravvissuti raccontano il dettaglio angosciante: da quei cellulari sono state inviate le immagini del massacro

Emergono dal racconto di chi alla strage di Dacca è sopravvissuto nuovi dettagli inquietanti sull'attacco messo in atto in Bangladesh dai terroristi del sedicente Stato islamico, durante il quale venti persone sono morte, tra cui nove italiani.

Secondo chi si trovava all'Holey Artistan Bakery, nell'enclave diplomatica di Gulshan, i terroristi avrebbero sequestrato i telefonini degli ostaggi, chiedendo loro di inserire le loro password, per poi utilizzarli per comunicare con qualcuno all'esterno.

L'intento dei killer, dicono ancora i sopravvissuti, era quello di far "uscire" le fotografie del massacro compiuto nel ristorante di Dacca, che sono poi stati postate e condivise dalla macchina della propaganda jihadista, diffuse sui social network e sui canali di comunicazione dell'Isis.

Soggetti a una caccia continua su twitter e su piattaforme di messaggistica come Telegram, i jihadisti hanno vita molto più difficile rispetto a un anno fa. Ciononostante i loro account continuano a riemergere, spesso chiusi nel giro di poche ore o pochi giorni, ma non abbastanza in fretta perché il materiale propagandistico non trovi il modo di diffondersi.

Commenti

27Adriano

Gio, 07/07/2016 - 11:22

Il ministro Alfano, la presidenta Boldrini, Renzi e l'Argentino cosa dicono. Perché non si esprimono?

alberto_his

Gio, 07/07/2016 - 13:00

27Adriano: probabilmente perché nessuno ha chiesto loro di esprimersi in relazione a questo specifico fatto. Poi che te ne fai della loro opinione?

ziobeppe1951

Gio, 07/07/2016 - 14:29

27Adriano...11.22....2 citazioni dai loro stessi kkkompagni..ignorare la sofferenza di un uomo è sempre un atto di violenza, e tra i più vigliacchi (Gino Strada)....C'è qualcosa di più terribile della violenza dei bruti: la violenza dei vigliacchi (R.Benigni)