Bergoglio adesso riscopre il valore della "patria"

Bergoglio ha parlato di "patria" in un incontro con i giovani cileni. Dopo l'omelia di Natale, arrivano i commenti positivi. Ecco cosa ha detto il pontefice

Bergoglio ha parlato del valore della "patria" durante l'incontro con i giovani nel Santuario Maipù. Il 17 gennaio scorso, il pontefice argentino ha approfondito il tema in questione, forse inaspettatamente, dopo essere stato accolto con entusiasmo da migliaia di ragazze e ragazzi cileni. Un virgolettato che è passato un po' in sordina, ma che sta facendo discutere alcuni commentatori:"La strada per l'orizzonte dev'essere fatta con i piedi per terra - ha esordito Papa Francesco - E cominci con i tuoi piedi nella terra della patria. E se non ami il tuo paese, non credo che verrai ad amare Gesù e ad amare Dio". E ancora: "L'amore per la madrepatria è un amore per la madre - ha continuato -. La chiamiamo Patria, perché qui siamo nati; ma lei stessa, come ogni madre, ci insegna a camminare e si offre a noi così da farla sopravvivere a un'altra generazione", ha chiosato Bergoglio. Senza l'amore per la patria insomma, per il pontefice argentino, non si arriva da nessuna parte.

"Se non siete patrioti - non patrioteros (cioè nazionalisti n.d.r.), eh! - non farete nulla nella vita, perché i figli devono amare il loro Cile, perciò fate qualcosa per il vostro Cile. Ragazzi, ragazze, adorate il vostro Cile!", ha sottolineato - poi - Papa Francesco. Queste parole sono state recepite con stupore, specie da chi aveva criticato Bergoglio per il discorso tenuto durante l'omelia dello scorso Natale. "E poi – aveva affermato il papa in quella circostanza riferendosi a Maria e Giuseppe – si trovarono ad affrontare la cosa forse più difficile: arrivare a Betlemme e sperimentare che era una terra che non li aspettava, una terra dove per loro non c’era posto". L'omelia di Bergoglio era stata criticata da chi - come Antonio Socci - aveva contestato "l'ignoranza" alla base della riflessione: "Qualcuno gli spieghi che Giuseppe stava portando la sua famiglia non in un pase straniero per motivi economici, ma nel suo stesso paese per il censimento, perché lui era originario di Betlemme. Quindi era a casa sua. E il versetto "non c'era posto per loro" si riferisce al fatto che nel caravanserraglio dove erano tutti non c'era un luogo appartato per partorire", aveva scritto il giornalista di Libero in un post su Facebook in quella circostanza.

Questa volta, invece, sono arrivati commenti positivi dal mondo dei cosiddetti sovranisti. Il filosofo Diego Fusaro, ad esempio, ha scritto:"Dopo una omelia di Natale sorosiana, si passa – e ne prendiamo atto con gioia – a un sano patriottismo emancipativo degno di Che Guevara, a giusta distanza dalla Destra sorosiana del Danaro e dalla Sinistra boldriniana del Costume". "Ecco, e se queste parole, il pontefice le rivolgesse ai milioni di giovani africani?", ha scritto invece qui Luca Cirimbilla. Bergoglio, in definitiva, pare aver riscoperto il valore del termine "patria".

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Sab, 20/01/2018 - 12:57

Sembra che Bergoglio, rispetti il valore della patria, NEI PAESI DE SUD AMERICA, """mentre è propenso di fare invadere l`Italia, dalla delinquenza AFRO-ASIATICA e dagli ZINGARI"""!!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 20/01/2018 - 13:15

Si,certo,ha parlato ai cileni del valore della loro patria,il Cile. A noi italiani parlerebbe del valore dell'islam,del corano e dei musulmani e/o africani da accogliere,mettendo implicitamente l'Italia sotto le scarpe. Andate in pace frateeeeli e soreeeele......

DRAGONI

Sab, 20/01/2018 - 13:16

VA NELLA STESSA DIRAZIONE DI DOVE TIRA IL VENTO !!

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 20/01/2018 - 13:35

Benissimo! Ne prendo atto. Adesso mi aspetto, però, che l'esortazione alla difesa della 'Patria' venga da lui estesa anche all'Italia! Ma non una semplice esortazione a 'fare del bene'; deve essere una esortazione come dice Fusaro: un 'patriottismo emancipativo' (e io ci aggiungo che un po' di sentinelle sui confini non ci stanno male!)

sbrigati

Sab, 20/01/2018 - 13:37

Titolo fuorviante, il papa parlava del Cile, non dell'Italia. Noi non possiamo essere "patrioteros".

nopolcorrect

Sab, 20/01/2018 - 13:38

Però...non bisogna disperare, sta facendo progressi, bravo.

Tarantasio

Sab, 20/01/2018 - 13:53

il vaticano non è patria di nessuno, nemmeno del papa

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 20/01/2018 - 14:21

Bergoglio parla troppo, parla a vanvera e non si rende conto di quello che dice. Come in questo caso. Lo avete mai sentito, rivolgendosi agli italiani, parlare del dovere di amare la madrepatria? No, queste cose le dice quando va all’estero, perché il concetto di patria vale solo per gli altri, quelli che l’abbandonano per venire a casa nostra senza essere invitati. Quando torna in Italia dice esattamente il contrario. Per l’Italia il concetto di patria non esiste, è anacronistico; anzi, bisogna negare il concetto stesso di patria, aprire i confini ed accogliere tutti gli immigrati senza limiti, in modo creare una società meticcia, multietnica, multi religiosa, multi culturale, e distruggere la patria e l’identità nazionale. Questo dice Bergoglio. Vi sembra una persona “normale”? A me sembra falso, ipocrita, in malafede, un Papa taroccato, contraffatto come i prodotti cinesi. Siamo sicuri che venga dall’Argentina e non sia Made in China?

cgf

Sab, 20/01/2018 - 14:30

In tutte le chiese a Buenos Aires, dove Bergoglio era la guida spirituale, vi sono bandiere a strisce azzurre e bianche con al centro un sole. Frequentemente nella preghiera dei fedeli, e per la benedizione, non manca mai un richiamo all'Argentina, che non è la signora del terzo piano.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Sab, 20/01/2018 - 14:34

..da farla sopravvivere ...- GIUSTO, CONTRO QUELLI COME TE CHE VOGLIONO FARCI INVADERE AD OGNI COSTO.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 20/01/2018 - 14:54

Non sarà che sente che l'aria sta cambiando? Avrebbe dovuto riflettere prima, in altre occasioni dove è - secondo me - andato sopra le righe. Appena eletto Papa si è presentato come vescovo di Roma: mi ha lasciato perplesso. L'uomo venuto dalla fine del mondo certe volte mi sconforta.. Però, come tutti gli esseri umani posso sbagliare.

venco

Sab, 20/01/2018 - 15:11

Da una persona ambigua come Bergoglio si apprendono solo falsità e imbrogli.

cgf

Sab, 20/01/2018 - 18:11

Non solo Chile, in tutto il Sudamerica, anche in Argentina, i locali hanno sentimenti patriottici, qui invece i "cittadini del mondo" no. Mazzini e Garibaldi si stanno rivoltando nella tomba, sarebbe stato meglio lasciare lo STATO pontificio così come era ed il sud ai borboni.

killkoms

Sab, 20/01/2018 - 19:42

quale patria?la sua?

killkoms

Sab, 20/01/2018 - 20:00

@azo,il pampero sta al suo posto con chi gli mostra i denti!ha fatto un infelicissimo paragone tra condizioni di alloggio dei sedicenti migranti in Italia e in europa e i lager nazisti,ma specificando "non in geermaniaa..",perché sapeva che se lo avesse fatto sarebbe arrivata una protesta ufficiale!nella visita in oriente gli hanno "detto" di NON parlare dei rohingya,e ha ottemperato,salvo poi scusarsi con gli stessi in un altro paese!scuse a cui non era tenuto in quanto i predetti sono perseguitati da buddisti!

Michele Calò

Dom, 21/01/2018 - 07:58

Ennesima conferma del gesuitismo ipocrita di questo satanico falso papa e delle gravi accuse a lui mosse dal suo stesso Ordine e dalle associazioni delle Madri di Maggio in Argentina. Nemmeno papa Borgia ha fatto i danni di questo pampero massone dall'abito bianco ma dal cuore nero.