Beslan, la Corte europea condanna la Russia a 13 anni dalla strage

La Corte europea dei diritti dell'uomo condanna Mosca a risarcire con 3 milioni di euro le vittime di Beslan: "Ha commesso gravi errori". Il Cremlino: "Ricorreremo in appello"

È stato definito da Putin, uno dei momenti “più duri” della sua presidenza, assieme alla crisi degli ostaggi al teatro Dubrovka di Mosca. Ora la Corte europea dei diritti dell'uomo, condanna la Russia a risarcire con tre milioni di euro i sopravvissuti e i familiari delle vittime del massacro di Beslan, nel nord dell’Ossezia, dove, nel 2004, un commando di terroristi ceceni prese in ostaggio più di mille persone, di cui oltre 330 persero la vita durante le operazioni per la liberazione.

In una sentenza, la Corte europea dei diritti dell'uomo, accogliendo il ricorso di 409 persone, tra ostaggi sopravvissuti alla strage e parenti delle vittime, ha stabilito che la Russia commise “gravi errori” nella "preparazione e nel controllo dell'operazione di sicurezza", facendo “un uso indiscriminato e sproporzionato della forza”, nell’assalto per liberare gli ostaggi dei terroristi. Secondo la Corte, infatti, "le autorità disponevano di sufficienti informazioni precise circa un attacco terroristico previsto nella regione contro una struttura di insegnamento". "Tuttavia, non hanno preso sufficienti misure per impedire ai terroristi di incontrarsi e preparare l'attacco, o impedire i loro spostamenti il giorno dell'attacco”, si legge nella motivazione della sentenza. “La sicurezza non è stata rafforzata nella scuola e né il suo personale né il pubblico sono stati messi al corrente delle minacce". Per questo, Mosca dovrà rimborsare i ricorrenti con tre milioni di euro di danni morali.

Il primo settembre del 2004 un gruppo di terroristi islamici ceceni fece irruzione nella Scuola n.1 di Beslan, nell’Ossezia del Nord, mentre nel cortile era in corso una cerimonia per festeggiare il primo giorno di scuola. I terroristi raggrupparono gli ostaggi e spinsero più di mille persone dentro la palestra, compresi i bambini, alcuni molto piccoli. Gli ostaggi rimasero nella palestra per tre giorni senza acqua né cibo, fino a quando è iniziata l’operazione delle forze russe per liberarli. Mentre le forze speciali di Mosca irrompevano nella Scuola n.1 con le granate e i lanciafiamme, i terroristi fecero saltare in aria gli esplosivi che avevano disseminato ovunque, attaccandoli con lo scotch persino nei canestri della palestra. Morirono 334 persone, di cui 186 bambini. Una ferita difficile da rimarginare, che dopo 13 anni si apre di nuovo.

Dura la reazione del Cremlino alla sentenza. "Per un paese che è stato attaccato diverse volte dai terroristi, tali dichiarazioni sono assolutamente inaccettabili", ha detto il portavoce di Vladimir Putin, Dmitrj Peskov. Mosca ha, quindi, annunciato che prenderà in considerazione tutte “le azioni legali necessarie" e che presenterà ricorso in appello contro la sentenza della Corte di Strasburgo.

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 13/04/2017 - 14:20

mandare a quel paese la corte di Strasburgo con effetto immediato. eliminiamo questi carrozzoni inutili

Renee59

Gio, 13/04/2017 - 14:25

Fossi stato in Putin, avrei comunque risarcito quelle famiglie per il lutto e lo shock subito, senza aspettare tribunali vari.

tosco1

Gio, 13/04/2017 - 14:36

Come c'è di mezzo la UE, siamo certi che la cosa non è seria. Ed ancora una volta a pensarlo si fa centro. Secondo loro,come sarebbe finita la tragedia di Beslan, a tarallucci e vino ? Tutti i giorni ho un motivo per vergognarmi di essere europeo.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 13/04/2017 - 14:41

Questi sono pazzi. Sarebbero pure capaci di condannare la Russia per rappresaglie sproporzionate contro i terroristi ceceni.

Libertà75

Gio, 13/04/2017 - 14:48

un momento tristissimo del nostro pianeta, 186 bambini persero la vita, guai però a ricordare la matrice islamica dell'attentato terroristico

ciccilla

Gio, 13/04/2017 - 15:04

Se lo stato fa la lotta al terrorismo con metodi democratici-la vittoria sarà solo morale e postuma! E la gentile corrispondente fa finta non ricordare che la scuola era minata ed assalto era partito dopo la esplosione nella palestra!

rudyger

Gio, 13/04/2017 - 15:43

decisione da grandissimi imbecilli. se così fosse, tutti i governi che nel loro Stato subiscono attentati dovrebbero essere condannati. Fossi la Russia uscirei dall'ONU, disdirei il Trattato dei diritti dell'uomo (in mano a quattro deficienti di giudici) e a tutti gli altri organismi cui partecipa. Ma per prima cosa , tanto per castrarmi, non forneri il gas all'Europa. La Russia è un paese immenso e immenso di riserse. potrebbe sopravvivere senza i rompica....i europei, americani e asiatici.Cominciasse a rispolverare gli arsenali...

rudyger

Gio, 13/04/2017 - 15:47

Putin ( già capo del KGB, mica un cazzone qualunque )si sta dimostrando anche troppo tollerante . Attenzione che non ammattisca. qualche sparacchio di fine d'anno l'ha ancora.

Idrissecondo

Gio, 13/04/2017 - 15:47

Concordo con Renee59. Dopo di che mi sembra che anche altre nazioni dovrebbero subire analoghe condanne, visto che gli attentatori sono sempre persone "integrate" o note alle forze dell'ordine e alle varie magistrature nonchè servizi segreti. Con questo principio i risarcimenti faranno implodere gli Stati. Per esempio, con l'ormai famoso Igor l'assassioni di Budrio, come la mettiano?

igiulp

Gio, 13/04/2017 - 15:49

L'importanza che viene data dalla corte UE (?) ai fatti accaduti è direttamente proporzionale al tempo da questa impiegato per esprimere un giudizio (ben 13 anni). Siamo ai livelli della nostra magistratura. Quindi, Putin tiri dritto per la sua strada senza badare ai perditempo.

opinione-critica

Gio, 13/04/2017 - 16:02

La Russia prima ricorre all'appello poi sgancia 3 milioni di euro di bombe sulla corte UE.

VittorioMar

Gio, 13/04/2017 - 16:04

...ACCANIMENTO E ACCERCHIAMENTO !!...FORZA PUTIN!

korim80

Gio, 13/04/2017 - 16:12

x rudyger .. buongiorno ... una domanda .. se la russia chiude il rubinetto del gas lei con cosa si scalda ? coi pannelli solari ?

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Gio, 13/04/2017 - 16:15

La Corte di Strasburgo è un organo giurisdizionale internazionale, NON un'istituzione comunitaria e non ha nulla a che vedere con la Ue. Informarsi prima di scrivere!

Michele Calò

Gio, 13/04/2017 - 16:30

Articolo asettico quanto superficiale. La tragedia di Beslan avvenne dopo che gli infami terroristi islamici ceceni fecero saltare in aria la palestra ove erano ammassati i bambini e gli insegnanti che morirono a causa di quella esplosione. Ricordo quello strazio e dolore che feci anche mio per l'orrore che provoco'. La UE è sempre più una fogna ideologica e la Corte di Strasburgo lo zerbino dei "grembiulini massoni".

CALISESI MAURO

Gio, 13/04/2017 - 16:50

dunque ragioniamo un attimo..... terroristi armati e finanziati da stati mediorientali quali il saudi ....arabia naturalmente al servizio del grande satana assaltano una scuola, ( peraltro se e' nord ossetia non e' territorio russo ) ma a parte questo.... vengono liquidati con una certa imperizia dalle forze russe ... e adesso abbiamo un sedicente tribunale ... non russo ma dei vassalli del grande satana che intima pagamenti ad uno stato sovrano........ c'e' da rimanere allibiti... bisogna velocemente abbandonare questa banda di malf......i

onurb

Gio, 13/04/2017 - 16:55

Idrissecondo. Nel caso di Igor abbiamo l'aggravante, per lo stato italiano, che egli era stato più volte in carcere e aveva avuto il decreto di espulsione che nessuno ha fatto rispettare. Casi analoghi si sono avuti negli attentati più recenti in Francia, in Belgio e in Germania: tutte persone note alla giustizia e ai servizi segreti, ma lasciate libere di scorrazzare e di uccidere persone innocenti. E l'UE vorrebbe fare la maestrina in tema di sicurezza.

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Gio, 13/04/2017 - 16:57

@rudyger - Gio, 13/04/2017 - 15:47 – ha scritto:” Putin ( già capo del KGB, mica un cazzone qualunque )si sta dimostrando anche troppo tollerante . Attenzione che non ammattisca. qualche sparacchio di fine d'anno l'ha ancora. “---- “Capo del KGB"... addirittura!!! Putin fu ufficiale del KGB dal 1975 al 1991 anno in cui raggiunse il grado di tenente colonnello. Brillante carriera…ma non da”Capo”.

Ramese

Gio, 13/04/2017 - 17:08

i Russi sapevano in anticipo dell'azione cecena e non hanno fatto nulla per impedirla. Poi sono entrati nella scuola colpendo tutti indiscriminatamente ... Se questo non e' un comportamento criminale ...

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Gio, 13/04/2017 - 17:09

Sono d’accordo con chi sostiene Putin, ma osservo che troppi lettori confondono la “Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) – che ha ovviamente giurisdizione solo sugli stati dell’UE – con La Corte europea dei diritti dell'uomo (abbreviata in CEDU ), cui aderiscono anche paesi non UE, tra i quali anche la Russia. I giornalisti non aiutano di certo a chiarire.

Ritratto di mircea69

mircea69

Gio, 13/04/2017 - 17:22

La colpa non è dei terroristi ma della Russia che non ha rafforzato la sicurezza nelle scuole? :)

Ramese

Gio, 13/04/2017 - 17:31

caro korim80, ci potremmo scaldare col gas del Golfo, se ci fossero gasdotti dal golfo ... ma, guardacaso, i gasdotti dal golfo non si possono fare perche' in mezzo c'e l'Isis ... quindi siamo dipendenti dai russi ... questo tanto per chiarire chi ha interesse a che l'Isis ci sia ...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 13/04/2017 - 17:33

Pazzesco. Questa Europa è ormai in mano ad autentici pazzi e criminali.