Bill Gates: "Allevare polli per sconfiggere la povertà"

Il fondatore di Microsoft Bill Gates ha lanciato una campagna per aiutare le famiglie estremamente povere nell'Africa sub-sahariana attraverso l'allevamento di polli. Donerà loro 100mila polli

Alla fine potrebbero essere i polli a sconfiggere la povertà. L'idea è venuta a Bill Gates, fondatore di Microsoft, che ha lanciato una campagna per aiutare le famiglie estremamente povere nell'Africa sub-sahariana proprio attraverso l'allevamento di polli. Secondo il miliardario americano, infatti, crescere e vendere questi volatili può essere un modo estremamente efficace per combattere la povertà estrema. Dalle parole ai fatti. Gates, riferisce la Bbc, ha promesso di donare 100.000 polli e la pagina del progetto è già stata condivisa diverse migliaia di volte.

Secondo le stime dell'Onu il 41% delle persone nell'Africa sub-sahariana vive in terribili condizioni di povertà. Per Gates un contadino allevando cinque galline potrebbe guadagnare più di 1.000 dollari all'anno, una somma che è al di sopra della soglia di povertà che è intorno ai 700 dollari.

Bill Gates intende fornire un aiuto concreto alle famiglie che vivono nelle aree rurali, fornendo loro le razze migliori di polli vaccinati. "Questi animali si moltiplicano in modo continuativo, quindi non c'è alcun investimento migliore (con rischio più basso di ritorno pari a zero) come l'allevamento di polli", ha ricordato Gates in occasione del lancio della campagna a New York, lanciata in collaborazione con l'organizzazione di beneficenza Heifer International.

Commenti
Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 09/06/2016 - 17:49

Dopo l'ultima indagine di "Report" è sperabile che non li acquisti dal noto Francesco!

vince50

Gio, 09/06/2016 - 17:49

E meno male che lo ha consigliato Bill Gates,arrivarci da soli no eh!!!.

nippur62

Ven, 10/06/2016 - 08:30

Come al solito sta cercando di pulirsi l'immagine, a bada poi gli mette il suo esercito privato visto che è socio della Monsanto?

CarloDei

Ven, 10/06/2016 - 09:32

bene io ho sette galline che fanno una media di 4 uova al giorno le ho pagate 7 euro l'una ogni mese mangiano più o meno 30 euro di mangime vero cioè non sono allevate con polverine varie, le faccio uscire tutti i giorni pulisco la caccchina ecc ecc ma se anche vendessi le uova a 50 cent farei due euro al giorno per 60 al mese togliendo i 30 di mangime mi restano 30 euro cioè un euro al giorno. Forse dovrei metterne mille ma, perlomeno in Italia, oltre le cento galli ci sono degli obblighi da seguire. C'è il veterinario che mensilmente viene a visitare, cì'è il capannone a norma ecc ecc per cui non guadagnerei una mazza anche se allevassi polli e non galline. In Africa si può tutto. Si metteranno ad allevare polli senza controllo sanitario e li venderanno a noi polli che invece siamo sottoposti - giustamente - a norme stringenti per salvaguardare la salute dei consumatori. Morale: vado ad allevare polli in Africa!!!

Raoul Pontalti

Ven, 10/06/2016 - 09:46

Con cinque galline si possono guadagnare 1000 dollari? La gallina ci dà la carne (per il brodo) a fine carriera (2.50$ se tutto va bene) e le uova: quante? Dipende dalle modalità di allevamento ma in Africa si suppone, per ragioni di sostenibilità di costi per le attrezzature e per la scarsità di tecnologie utilizzabili, che si ricorra all'allevamento all'aperto e quindi sono ipotizzabili 252 uova/gallina/anno, ossia 1260 uova. Le pollastre da accasare sono fornite da Bill Gates e a fine anno le si riforma, i ricoveri e le attrezzature li regalano altri filantropi, ma il mangime? Non diciamo eresie Raoul, in Africa le galline si procurano l'alimento razzolando...E il ricavo della vendita delle uova che qui diviene tutto guadagno? 12.00$ per cento uova prezzo corrente, fanno 151.20$. Sono uova africane dunque speciali e le vendo al quadruplo: ma non faccio ugualmente 1000 dollari...

blackbird

Ven, 10/06/2016 - 10:31

Hitler disse che per vincere la fame ogni famiglia tedesca avrebbe dovuto avere un orticello da coltivare. Cambia personaggio, ma le idee balzane ritornano! Bene le galline in un allevamento supercontrollato, ma a farle razzolare in Africa (come in molte aie italiane) si beccano la salmonella, almeno.

Keplero17

Ven, 10/06/2016 - 12:06

Dai chip ai chip chip.

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 10/06/2016 - 12:56

Noi Abbiamo un buon 30% di Polli. Basta sapergliela raccontare! Sono persino contenti di entrare nel girrarosto.

paolomed0101

Ven, 10/06/2016 - 13:12

Nell'articolo c'è anche scritto che le galline si moltiplicano facilmente. Quindi si parte con 5 polli, ma nell'arco dell'anno ne verranno messi a reddito molti di più. E non penso ci sia da preoccuparsi che questi polli arrivino sulle nostre tavole. Qui si parla di allevamenti per garantire la sopravvivenza di una famiglia, non di fare concorrenza alla Aia o ad Amadori.