Braccio di ferro Usa-Russia sulle sanzioni per Pyongyang

Washington chiede il pugno di ferro all'Onu, ma arriva lo stop di Mosca. E anche la Cina si oppone a interventi militari

Dopo il lancio di un missile intercontinentale da parte della Nord Corea, gli Stati Uniti reagiscono. Washington ha infatti annunciato che chiederà alle Nazioni Unite maggiori sanzioni contro Pyongyang. A rendere nota la posizione degli Stati Uniti è stata l'ambasciatrice all'Onu per gli Usa Nikky Haley sottolineando che Washington non "guardasolo alla Corea del Nord", ma a "qualsiasi Paese che voglia far affari" con Pyongyang. E alle richieste americane arriva lo stop da Mosca. "I tentativi di strangolare economicamente la Corea del Nord sono inaccettabili e le sanzioni non risolvono i problemi", ha affermato il vice ambasciatore della Russia alle Nazioni unite, Vladimir Safronkov. Poi l'ambasciatore russo ha aggiunto: "La possibilità di intraprendere misure militari per risolvere i problemi legati della penisola coreana dovrebbe essere esclusa", "esprimiamo il nostro appoggio all'idea che Nord e Sud Corea si impegnino in dialogo e consultazioni". E su questo fronte anche la Cina, l’alleato più stretto di Pyongyang e su cui contava il presidente americano Donald Trump, si è opposto ad ogni azione militare contro la Corea del Nord dopo il lancio di un missile balistico intercontinentale (Icbm). Intanto la Casa Bianca ha fatto sapere che gli Stati Uniti stanno "valutando le opzioni possibili per rispondere alle provocazioni di Pyongyang".

Commenti

TonyGiampy

Gio, 06/07/2017 - 00:52

Per me ci sono due possibilita'. La prima lasciarlo cuocere nel suo brodo e fare orecchie da mercante. La seconda intervenire militarmente subito anche senza l'appoggio di Cina e Russia. L'intervento deve essere pero' definitivo e profondo nel senso che la Corea non deve avere nemmeno un secondo per poter reagire altrimenti l'intervento non avrebbe senso.Io opterei per la prima soluzione.

alox

Gio, 06/07/2017 - 00:54

Normale Cina e Russia si oppongono, non sono per niente minacciati e i missili li lancia in direzione opposta... non credo gli USA staranno a guardare per molto ancora.

alox

Gio, 06/07/2017 - 03:04

E’ una personale opinione ma in: Ucraina siamo su fronti opposti In Siria fronti opposti e adesso in Corea del Nord....E’ facile vedere la continuazione della gurra fredda e delle proxy war fra COMUNISMO E CAPITALISMO!

Ernestinho

Gio, 06/07/2017 - 07:02

Russia e Cina in questa vicenda ci sguazzano!

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 06/07/2017 - 07:06

Ricordavo serpenti con gli occhiali, tortore dal collare, perfino un Gatto con gli stivali, ma non sapevo che esistessero anche suini con i binocoli.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 06/07/2017 - 07:16

Sarebbe ora che si provvedesse a "tacitare" questo sgradevole e tiranno ciccione.

arkangel72

Gio, 06/07/2017 - 11:15

Vedere litigare due superpotenze a causa di questo bamboccio è penoso!! Possibile che non esista alcun servizio segreto al mondo in grado di farlo fuori??? Sicuramente non lo vogliono eliminare perché i mercanti di armi con dittatori del genere fanno affari d'oro! Pertanto ce lo dovremo tenere...

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 06/07/2017 - 11:16

Gli USA pretendono che il mondo dia sanzioni a tutte nazioni che non seguono i loro diktat.

gbgiangi

Gio, 06/07/2017 - 11:34

Ma ci vuole ancora molto per vedere alla TV il ciccionano esplodere???

Divoll

Gio, 06/07/2017 - 11:50

Tipico. Il sistema e' sempre lo stesso. Gli USA prima provocano un paese e, quando quello mostra di sapersi difendere, vogliono invaderlo con la scusa che sia un pericolo. Ricordiamolo: quanti paesi avrebbe invaso la Corea del Nord? E quanti paesi HA effettivamente invaso l'esercito americano? Il vero motivo di tutto questo can-can e' che gli USA sono disperatamente alla ricerca di nuovi fronti di guerra. La loro economia affonda, ma reggendosi ormai solo sull'industria bellica (o piuttosto sul racket della guerra, come lo ha definito un generale americano), hanno bisogno di conflitti come un vampiro ha bisogno di sangue. E dove un conflitto non c'e', lo creano artificialmente. Meno male che la Russia e la Cina esistono.

Divoll

Gio, 06/07/2017 - 11:56

Vedo dai commenti che molti non si rendono conto che questa faccenda della Corea del Nord e' tutta la solita montatura USA, tale e quale a quella delle inesistenti armi di distruzione di massa di Saddam e la fialetta che Colin Powell agitava davanti al Congresso. La Corea del Nord e' un piccolo paese a migliaia e migliaia di kilometri dagli Usa, ma davvero qualcuno crede che possa rappresentare un pericolo per loro? Il leader coreano sta facendo come i piccoli cani che abbaiano per paura per far credere ai cani grossi di essere pericolosi. Intanto, vi siete chiesti che kaiser ci fanno le navi da guerra americane nei mari della Cina?? Che hanno perso da quelle parti? Lasciassero in pace la Corea, anzi, il mondo intero. Sono loro l'asse del male e anche la terribile invasione di migranti che sta subendo l'Italia e' "merito" loro.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 06/07/2017 - 12:01

--chi lo avrebbe detto che alla fine i sinistri quasi debbano ringraziare l'incapacità congenita di trump--il nostro eroe infatti è riuscito nell'impresa fallita dai suoi predecessori---creare un'asse di ferro tra russia e cina---ma gli americani hanno ben presente la posizione geografica della corea del nord?--come possono minimamente pensare che i cinesi ed i russi si schierino contro Pyongyang ed agevolino una azione militare americana in corea del nord quando sia cinesi che russi a stento tollerano le basi missilistiche americane in quel di seul---boh ---swag ganja

david_mx

Gio, 06/07/2017 - 12:25

Chi altro può capire meglio un dittatore che va giustiziare i detenuti con il cannone anti-aerea, di uno che sopprime gli avversari politici con polonium?

pardinant

Gio, 06/07/2017 - 13:07

Il problema non sono i razzetti lanciati da codesto personaggio, e neppure le bombe termonucleari che possiede, il problema è il suo popolo, uomini, donne e ragazzi come noi, costretti a vivere in miseria e soggetti a rischi e vessazioni senza alcuna colpa o possibilità di difesa. Responsabili siamo tutti noi per queste situazioni ed in particolare chi adora, segue e diffonde certe ideologie, senza alcun rispetto per le idee degli altri e aspira a instaurare regimi di persone pericolose come lui stesso. Agli altri, quelli che hanno facoltà una visione seppur lontana del concetto di libertà e aspirerebbero ad una libertà e un benessere diffuso, restano compressi tra la scelta di rispettare idee e azioni di alcuni palesemente folli o comprimere il loro senso di libertà per comportarsi con essi come essi si comporterebbero con loro.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 06/07/2017 - 14:28

----ascoltate divoll---che dice cose sacrosante e non fuma neppure ganja--swag

reporter88

Gio, 06/07/2017 - 21:16

quando è ora della verità, tutti i nodi vengono al pettine ... i russi così come i cinesi non si smentiranno mai e poi mai...