Brasile, Lula nei guai: finisce sotto inchiesta per presunta corruzione

L'ex presidente brasiliano è accusato di aver favorito alcune imprese nell'assegnazione di importanti appalti pubblici

Guai in vista per l'ex presidente brasiliano Luiz Inacio da Silvia Lula.

Il politico sudamericano è finito infatti sotto inchiesta per "un caso di "presunto traffico di influenze illecito" a seguito della violazione delle leggi anticorruzione". Nelle indagini condotte dalla procura di Brasilia, i giudici brasiliani vorrebbero capire se Lula abbia fatto pressioni per agevolare il colosso delle costruzioni Odebrecht nella realizzazioni di lavori per conto di governi esteri.

Un mese fa era stato arrestato il presidente del gruppo, Odebrecht, Marcelo, accusato di essere uno dei referenti del cartello di imprese solite procacciarsi appalti pubblici a suon di mazzette. Per l'ex presidente si è espresso l'Istituto Lula, che si è detto sorpreso della "rapidità" delle indagini. Dall'Istituto specificano inoltre che l'ex capo dello Stato ha sempre dimostrato la massima collaboratività con gli inquirenti, fornendo anche più informazioni di quelle richieste.

Il periodo relativamente al quale si presume che Lula possa aver esercitato influenze illecite è riferito agli anni tra il 2011 e il 2014, quando Lula non era già più presidente. Le indagini erano state avviate già lo scorso 8 luglio, ma sono state rese note solo oggi.

Commenti

killkoms

Ven, 17/07/2015 - 13:30

lo mettessero in galera assieme al compagno(armato)battisti!

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 17/07/2015 - 13:42

Questo è un vero delinquente, basta pensare a come ha voluto a tutti i costi salvare e proteggere il pluriomicida Cesare Battisti.

giovauriem

Ven, 17/07/2015 - 14:16

presunta corruzione ? i comunisti hanno il dna modificato , non di ventano ladri ; nascono ladri !

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 17/07/2015 - 15:07

Non può essere che sia corrotto. Quelli di SX lottano per un mondo migliore, non sono corrotti e non rubano. Se lo fanno è solo per lenire le sofferenze dei popoli oppressi e spezzare le catene dei lavoratori asserviti al capitalismo.

filder

Ven, 17/07/2015 - 16:56

Spero che in Brasile ci sia un po di più giustizia di quella sgangherata Italiana e trovano le prove opportune di mettere questo comunista falso intrigante a pane ed acqua in qualche galera assieme al suo compare battisti a menonchè non li vorrà aiutare ancora una volta la carlà assieme al suo stallone sarkosi.

FRANZJOSEFF

Ven, 17/07/2015 - 16:59

DALL'ITALIA AL BRASILE LA SINISTRA E' UGUALE