Brexit, Farage a sorpresa: il suo partito è primo nei sondaggi

Il partito di Nigel Farage, alla prima rilevazione, ha fatto registrare il 27%. La spinta pro Brexit non si è ancora esaurita

Attenzione a dare per morta la spinta pro Brexit, quella che ha consentito a Nigel Farage di divenire un protagonista della politica britannica nell'ultimo decennio e che ha costretto l'Unione europea e il Regno Unito a gestire trattative molto difficoltose. La situazione politica dopo l'appuntamento del 23 giugno del 2016 - come sappiamo - non ha mai smesso di essere complessa, ma le rilevazioni statistiche, le prime in ordine di tempo dopo la nascita della nuova creatura del leader sovranista londinese, raccontano una storia diversa: la formazione politica che Nigel Farage ha fondato dopo la fine dell'Ukip fa registrare, ora come ora, il 27% dei consensi totali.

Il piazzamento è la naturale conseguenza: primo posto sul podio sondaggistico. Vuol dire che, nel difficile caso in cui venisse predisposto un secondo appuntamento referendario, la partita sarebbe tutto fuorché chiusa. Per non parlare delle possibili e spesso sbandierate elezioni politiche, che vedrebbero gli euroscettici recitare ruoli di ordine non secondario.

Gli analisti, questa volta, non dovrebbero sottostimare la causa populista. A raccontare di come Nigel Farage e il suo Brexit Party possano stupire elettoralmente è stato pure il quotidiano Linkiesta. La narrativa di certi media, specie quelli progressisti, sembra caldeggiare un assunto preciso: in Gran Bretagna si sarebbero pentiti della scelta fatta quasi tre anni fa. Quel 27%, però, testimonia ben altro. L'Ukip, dopo la fuoriuscita dall'Unione europea, sembrava aver esaurito il suo compito. Una volta realizzato il punto centrale del programma, l'unico, quel partito si è dissolto tra una serie di scandali e la progressiva scomparsa dalle preferenze dei brittanici.

Il fatto che i giochi per la Brexit non siano ancora chiusi, però, potrebbe contribuire a rendere chiaro come la pensano gli elettori Uk. Politicamente parlando, sono cambiate molte facce da quel giugno del 2016. Farage pareva aver già detto tutto, ma le statistiche dicono che è ancora lì.

Commenti

ghorio

Sab, 20/04/2019 - 20:00

Evidentemente quelli contro la Brexit continuano a dormire. Singolare poi che i due partiti tradizionali navighino al secondo e terzo posto. Evidentemente anche in Gran Bretagna si registra la crisi dei partiti, nonostante che conservatori e laburisti facciano i congressi e abbiano statuti democratici.

cir

Sab, 20/04/2019 - 20:45

forza BREXIT !!!! distruggere l' europa politica e' un dovere di ogni cittadino sano di mente .

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Sab, 20/04/2019 - 23:12

"Accattatev'illo!" "Pijia, incarta, e porta a casa!" "Ciape' su!"

celuk

Sab, 20/04/2019 - 23:38

non c'è nessuna sorpresa: in malafede tutti i giornali pro eu hanno fatto credere che le varie bocciature della May fossero contro la Brexit mentre sono solo una bocciatura dell'ACCORDO con l'ue, la Brexit non è stata mai messa in discussione, infatti il nuovo referendum è stato respinto a larga maggioranza.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 21/04/2019 - 02:16

Dice bene linkiesta: "Al primo sondaggio - e dopo tre anni di guai - il Brexit Party di Nigel Farage ha già il 27% dei consensi. Segnale più che eloquente che, ancora una volta, non abbiamo capito cosa cova sotto la pelle delle società europee: la voglia di cambiare la strada vecchia per la nuova, qualunque essa sia". La vecchia società di "grembiulini e compassati" londinese dovrà farsene una ragione e lasciare che i voleri della gente comune, fin dai tempi di Cameron, siano rispettati.

cir

Lun, 22/04/2019 - 18:03

Marcello.508 .. non ti illudere.. la societa' di grembiulini e compassi , agisce fino a 33..esimo grado del rito scozzese , ma sempre al sevizio di quella fondata a NY, nel 1843, che tu conosci benissimo.L' Europa deve essere distrutta nella societa' piu' forte e nelle radici piu' profonde. Dei POPOLI cosi etereogenei mal si prestano ad un mondo universale senza un passato ma pronto per essere usato . Non siamo piu' popoli ma " consumatori " le multinazionali non hanno bisogno di intralci . Cosi come avviene nel mondo islamico , ancora piu'difficile da domare. Hanno lanciato l'occidente contro il mondo mussulmano , per portarci ad un annientamento reciproco. Siamo talmente stupidi che non ce ne accorgiamo della nostra fine..della quale siamo artefici. Sai benissimo che certi progetti impiegano secoli a completarsi..