I migranti al posto del porno studio. Abitanti di Bristol: "Meglio prima"

Un ex "studio" a luci rosse trasformato in condominio. Chi abita nel quartiere teme che sarà abitato solo da lavoratori stranieri

Fino a poco tempo fa, gli abitanti di St. George, area urbana di Bristol, vivevano a stretto contatto con uno studio di produzione di film hard. Un ingombrante vicino di casa che i residenti erano riusciti infine ad accettare, e che ora sembrano rimpiangere, convinti che la situazione fosse meglio di quella che si profila ora, con quell'edificio trasformato in un condominio.

Fino a quaranta persone andranno ad abitare nel palazzo risistemato di nuovo, in cui fino a poco tempo fa Phil Barry, marito della pornodiva 48enne Cathy Barry, registrava e mandava in onda materiale pornografico. Il proprietario dello stabile, Mike Hobbins, ha deciso di trasformarlo, creando 20 doppie. E chi abita nel quartiere è convinto che attrarrà soltanto lavoratori migranti, "colpendo a morte" il quartiere.

Un'abitante del posto, Annie Bentley, ha detto alla stampa britannica di temere che chi usufruirà di quegli spazi "non aggiungerà nulla alla popolazione del quartiere". Se il piano andrà avanti, ha aggiunto un'altra donna che vive nel quartiere, la 38ene Naomi Maggs, è pronta a vendere casa e portare altrove la sua famiglia.

Commenti

Magicoilgiornale

Lun, 18/04/2016 - 16:41

Nessun commento