Canada, Trudeau ordina sgombero dei quartieri a maggioranza islamica

La battaglia di Trudeau contro i quartieri a con più alta percentuale di popolazione islamica, amministrati secondo i precetti della sharia, è stata condannata dalle associazioni umanitarie

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha in questi giorni lanciato una campagna contro i quartieri monoetnici presenti nelle metropoli del Paese. In particolare, l’esponente liberale ha promosso la linea dura contro i quartieri popolati in prevalenza da immigrati di religione islamica.

La strategia governativa prevede lo sgombero e la riqualificazione dei sobborghi abitati principalmente da persone di etnia araba e somala, giudicati dalle autorità come divenuti ormai delle “mini-repubbliche autonome fondate sulla sharia. Secondo Ralph Goodale, ministro della Sicurezza pubblica, le comunità di immigrati musulmani stanziate in tali sobborghi avrebbero infatti finora amministrato in maniera indisturbata questi ultimi imponendo ai propri abitanti precetti comportamentali derivanti da una lettura integralista del Corano e contrastanti con l’ordinamento nazionale.

In base alle linee-guida elaborate da Trudeau, le aree urbane a preponderanza islamica, una volta sgomberate, verranno abbattute e sostituite con moderni complessi abitativi muniti di tecnologie per il risparmio energetico. La linea dura sposata dal politico liberale prescrive quindi che gli stranieri di fede maomettana non possano più, nelle città canadesi, essere concentrati tutti in una singola area urbana. Ad avviso del leader di Ottawa, è stata proprio la prassi, seguita dagli esecutivi del passato, di indirizzare tali immigrati in specifici quartieri a provocare ultimamente nelle metropoli lo sviluppo di sacche di comunitarismo.

La strategia del premier coniuga, di conseguenza, l’abolizione dei sobborghi a preponderanza musulmana con un’equa redistribuzione degli stranieri di fede coranica tra tutte le aree urbane costitutive delle città del Paese. In base al piano delineato dalle autorità federali, tutti i settori delle metropoli canadesi dovranno ospitare non più di due nuclei familiari maomettani, al fine di azzerare i legami identitari di questi ultimi con la comunità religiosa di appartenenza e favorirne il contatto con i valori e i costumi nordamericani.

Secondo i media locali, lo sgombero più consistente sul piano numerico dovrebbe a breve avere luogo a Heron Gate, quartiere di Ottawa a maggioranza islamica. In attuazione della linea dura promossa da Trudeau, le migliaia di residenti di tale area urbana, quasi tutti originari della Somalia e dello Yemen, verranno sfrattate e ripartite tra tutti i sobborghi della capitale federale. Il vecchio Heron Gate verrà quindi abbattuto e sulle sue macerie sorgerà un complesso residenziale di lusso.

L’iniziativa del primo ministro liberale, diretta a sgomberare i quartieri a preponderanza maomettana per evitarne la trasformazione in “repubbliche sciaraitiche”, è stata subito bollata dalle organizzazioni umanitarie come una grave violazione dei diritti umani. Ad esempio, l’ong Terre des hommes ha accusato l’esecutivo Trudeau di violare la norma internazionale che vieta a un’autorità statale di attuare espulsioni di massa. Ad avviso dell’associazione, inoltre, la strategia promossa dal premier di Ottawa sarebbe palesemente discriminatoria, poiché mirante a penalizzare esclusivamente gli aderenti a una specifica religione.

L’ong in questione ha inoltre offerto assistenza legale ai nuclei familiari islamici sfrattati dai quartieri di residenza per effetto della linea dura sposata dall’esponente liberale. Terre des hommes ha quindi promosso, a nome degli immigrati colpiti dal piano di Trudeau contro i quartieri "monoetnici", una causa giudiziaria davanti ai tribunali federali. Obiettivo della battaglia legale avviata dall’associazione è fare condannare le autorità di Ottawa a corrispondere indennizzi milionari alle famiglie di fede maomettana costrette ad abbandonare i sobborghi in cui hanno abitato finora.

Il ministro per i Rapporti con il parlamento, Bardish Chagger, ha reagito alle accuse avanzate dalle organizzazioni umanitarie difendendo la bontà del piano promosso dal governo federale. La Chagger ha poi sostenuto che l’iniziativa di Trudeau mira a fronteggiare una situazione allarmante, consistente nel progressivo assoggettamento ai precetti della sharia di interi quartieri delle metropoli canadesi. La linea dura di Ottawa mirerebbe, a detta del ministro, a ripristinare il rigore delle leggi nazionali in ogni sobborgo del Paese e a mettere fine allo sviluppo, nelle città della federazione, di tante “Riad in miniatura”.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 05/04/2019 - 11:25

UUUAHHHUAHHHUAHHH T'è piaciuto fare il piacione buonista pro clandestini e muslims e mò TIENITILLI!

dagoleo

Ven, 05/04/2019 - 13:53

ora ha strizza per le prossime elezioni e corre ai ripari; state attenti canadesi, che se lo rivotate vi riempie ancora di più di islamici estremisti. il figo da barbiere immigrazionista pentito

killkoms

Ven, 05/04/2019 - 23:12

dov'è finito il (suo) ministro somalo dell'immigrazione?