La casa di Adolf Hitler a Braunau am Inn sarà abbattuta

Le autorità hanno deciso di raderla al suolo per evitare "pellegrinaggi nostalgici"

Sarà raso al suolo l'edificio di Braunau am Inn dove nacque Adolf Hitler. La decisione è arrivata dalle autorità austriache, in un annuncio del ministero dell'Interno, che aveva già approvato un progetto di esproprio della casa e che punta a evitare pellegrinaggi nostalgici al luogo dove nacque il "Fuhrer".

Se da tempo si discuteva su quale fosse l'opzione migliore per l'edificio, non c'era molta discordanza tra le idee della politica austriaca. Anche Norbet Hofer, numero uno della destra populista locale, aveva detto in una recente intervista di essere favorevole all'opzione della demolizione, piuttosto che a fare della casa un museo.

Dal 2011 la casa è vuota e a lungo è andata avanti una battaglia giudiziaria tra Gerlinde Pommer, la legittima proprietaria, e le autorità austriache. Nel corso degli anni ha ospitato un centro per disabili, una banca e un istituto tecnico.

Una lapide in pietra ricorda la rilevanza storica del luogo. "Per la pace, la libertà e la democrazia - vi si legge -. Mai più fascismo: milioni di morti ci ammoniscono".

Commenti

fifaus

Lun, 17/10/2016 - 22:20

Si può "cancellare" una casa, ma non la storia. L'idea di farne un centro per disabili corrisponderebbe bene alla legge del contrappasso.