Londra, tre ricercati: uno di loro sarebbe il boia che ha ucciso Foley

Tra i venti e i trent'anni, sono tutti fuggiti in Siria per combattere con i jihadisti

Si stringe il cerchio attorno all'identità del boia di James Foley. Da Londra, The Telegraph cita tre possibili sospetti.

Secondo l'intelligence inglese sarebbe un medico di Londra, già accusato in passato di aver rapito giornalisti occidentali in Siria, l'uomo giusto per risolvere il rebus. Shajul Islam, attualmente sospeso dall'attività professionale, era stato rilasciato per insufficienza di prove nel 2012 dopo essere stato accusato di aver rapito il giornalista britannico John Cantlie. Islam si è sempre giustificato dicendo di essere innocente e di essersi recato in Siria solo per esercitare la sua professione di medico, ma i servizi americani stanno cercando di ricostruire i suoi incontri durante l'ultimo viaggio in Siria.

In Siria di troverebbe anche suo fratello Razul Islam, che le autorità britanniche ritengono essersi unito ai combattenti di Isis e che è inserito nella lista dei profili sospetti al vaglio degli investigatori.

Un ex dirigente dei servizi segreti militari britannici ha poi dichiarato, sempre secondo il quotidiano londinese, che la rete dell'intelligence si starebbe "chiudendo" intorno al killer del reporter americano. Dalle indagini emergono infatti altri nomi, oltre a quelli dei fratelli Islam.

Oltre a Shajul Islam, l'unico altro jihadista britannico accusato di aver rapito giornalisti occidentali in Siria è infatti il ventiquattrenne Jubayer Chowdhury, originario dallo stesso sobborgo di Londra, Stratford, da cui proviene il medico. Anche lui potrebbe essere uno degli uomini-chiave per risalire al nome del boia del giornalista americano.

I servizi stanno valutando anche la posizione del rapper ventitrenne Abdel-Majed Abdel Bary, del quartiere londinese di Maida Vale. Fotografato in Siria mentre reggeva una testa decapitata, è indiziato per un timbro vocale e una corporatura che parrebbero molto simili a quello del killer di Foley.

Tra i sospettati c'è infine il trentenne londinese Aine Davis, ex spacciatore e criminale di strada ora espatriato in Siria per combattere con i jihadisti. La sua famiglia si è rifiutata di rilasciare qualsiasi dichiarazione.

L'ex direttore dell'antiterrorismo presso il Secret Intelligence Service, Richard Barratt, si è detto fiducioso nella possibilità di identificare il boia del reporter del Global Post: "Credo che la stessa comunità da cui quest'uomo proviene sarà in grado di riconoscerlo e confido che in molti avranno voglia di contribuire ad identificarlo".

Commenti

maricap

Ven, 22/08/2014 - 12:00

Europa, ma le minacce le capisci? Cosa aspetti a prevenire il disastro? O Vigliaccamente aspetti, che siano gli altri a salvarti le chiappe? Questo è il momento di fare intervenire i caccia bombardieri, Trasferiscili in Kurdistan e in Iraq, e fai quel che devi fare. Prevenire è meglio che curare.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 22/08/2014 - 12:13

L'Inghilterra si merita questo ed altro. E' grazie all'arrendevolezza delle proprie istituzioni se in alcune parti del paese vige la Sharia. Quale vero e proprio sistema giudiziario "parallelo" a quello ufficiale.

Ritratto di ASPIDE 007

Anonimo (non verificato)

Brutio63

Ven, 22/08/2014 - 13:31

gli inglesi con la loro aperta tolleranza hanno esagerato! basta, è ora di mettere un punto. Chi vuole vivere da noi in Italia ed in occidente deve vivere come noi e stop da noi la religione e lo stato sono cose diverse dobbiamo difendere la nostra storia, cultura e civiltà. dobbiamo difendere il nostro stile di vita ed i nostri usi e tradizioni, chi vuole portare il burka si stia a casa sua Abbia dimenticato che in Inghilterra solo poco fa un soldato inglese inerme è stato aggredito e sgozzato per strada ? basta buonismo del menga !!!

rusty

Ven, 22/08/2014 - 14:32

Fuori sta gentaglia dall'Europa, a qualunque costo.

Ritratto di Scassa

Scassa

Ven, 22/08/2014 - 14:58

scassa venerdì 22 agosto 2014 Noi siamo gli eredi dei Romani che hanno conquistato il mondo portando ovunque la civiltà ,anche se la creme dei salotti progressisti,rinnega tutto ciò ! Soprattutto i CODICI DI GIUSTINIANO , sui quali tutte le civiltà si sono basate per amministrare la giustizia ,tutti...meno noi ...noi no ! E i Romani dicevano ,comportandosi di conseguenza "" se vuoi la pace prepara la guerra ! Poi ,con la conquista della Grecia,più raffinata ,molle ,molto più corrotta,e molle da queste mollezze fu conquistata a sua volta e iniziò da li la sua fine . Calò le brache e i barbari la invasero e sottomisero ; esattamente ciò che sta accadendo oggi ,e anche oggi ,il popolo pecora piega la schiena e lecca... ... ... L'ultimo ITALIANO CON LE PALLE E' QUATTROCCHI ,e con lui sono finiti ,il resto e melma !!!!!!!!!!!!!!!!!!scassa.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 22/08/2014 - 18:44

Scassa perfettamente d'accordo su tutto il post specialmente su QUATTROCCHI,noi invece onoriamo i lanciatori di estintori con la targa in parlamento.Complimenti ai kompagni!!!