Catalogna, Corte spagnola sospende l'investitura di Puigdemont

La Corte costituzionale sospende l’investitura a presidente del governo catalano. Il leader indipendentista non può essere eletto "per via telematica"

La Corte Costituzionale spagnola ha annunciato di aver sospeso l'investitura di Carles Puigdemont come presidente della Catalogna. La decisione è stata presa all'unanimità "a meno che Puigdemont si presenti di persona al parlamento regionale munito di un'autorizzazione giudiziaria". La sessione di investitura è prevista martedì 30 gennaio.

La Corte costituzionale spagnola ha così impedito che Puigdemont possa essere rieletto alla guida della Generalitat "per via telematica o per delega a un altro parlamentare", come invece vorrebbero i deputati indipendentisti catalani.

Al momento Puigdemont si trova in esilio volontario in Belgio dallo scorso ottobre. È ricercato in Spagna con l'accusa di ribellione dopo aver dichiarato l'indipendenza della Catalogna e se rientrasse nel Paese verrebbe arrestato. Intanto, spiegano i media spagnoli, la Corte si è data altro tempo per decidere se accettare o meno il ricorso presentato dal governo di Rajoy che mira ad annullare la candidatura di Puigdemont alla presidenza regionale.

Commenti

aredo

Dom, 28/01/2018 - 12:18

E vediamo se tornando alle urne continuano a votare la pagliacciata 5 Stelle Spagnola !

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 28/01/2018 - 14:26

"In esilio volontario", scrive l'articolista? Guardi che il Coniglio alla Catalana e` un Latitante internazionale! (Si`, capisco che per voi anche Craxi era un esiliato, anziche' un fuggiasco condannato in via definitiva...).