Cena di beneficenza, battute e insulti tra Hillary Clinton e Trump

Alla tradizionale cena di beneficenza dell’Alfred Smith Foundation, battute e insulti tra Hillary Clinton e Trump. Tra i due ormai è guerra aperta. Ma il padrone di casa, il cardinale Timothy Dolan, riesce a strappar loro una stretta di mano

Al Waldorf Astoria di New York i circa 1500 invitati hanno sborsato tremila dollari per un posto a tavola nel tradizionale galà di beneficenza dell’Alfred Smith Foundation. Serata che, come ogni anno, è vissuta all'insegna della comicità e del buon umore, regola a cui gli ospiti illustri devono attenersi. Ma stavolta qualcosa è andato storto. Il faccia a faccia tra i due candidati alla Casa Bianca, protagonisti della serata di quest'anno, si è trasformato in un duello velenosissimo. Trump è stato perfino contestato quando ha detto che Hillary è "corrotta, così corrotta che sarebbe stata sbattuta fuori dalla commissione sul Watergate". Disapprovazione anche quando ha detto che la sua rivale è "qui fingendo di non odiare i cattolici" (la fondazione è d'ispirazione cattolica). L’ex first lady non è stata da meno, riservando frecciate acide al rivale, come quando lo ha definito "sano come un cavallo... quello che cavalca Vladimir Putin". E il riferimento ai condizionamenti della Russia sulle elezioni americane era sin troppo chiaro.

Il tycoon ha iniziato il suo intervento con un fortissimo umorismo, dapprima definendo la modestia di Hillary "la sua principale qualità", poi ironizzando sul discorso alla convention di Cleveland di sua moglie Melania, molto simile a quello fatto a Denver nel 2008 dall’allora aspirante first lady Michelle Obama. "Michelle fa un discorso e tutti lo adorano. È fantastico. Mia moglie Melania fa lo stesso identico discorso e la gente insorge. Io proprio non capisco...". Si è chiesto, poi, se Hillary sia riuscita a ricevere l’invito, via email, "visto che le cancella tutte", riferendosi allo scandalo del server di posta privato utilizzato dalla Clinton quando era segretario di Stato. "Forse ne è venuta a conoscenza da Wikileaks", ha rincarato la dose. "Questa è la prima volta che Hillary parla davanti ad importanti donatori corporate senza venire pagata", ha osservato prima di prendere di mira i principali media, accusati di essere di parte. "Questo evento non consente solo ai candidati di stare insieme ma è anche un’ occasione per incontrare le rispettive squadre", ha detto Trump indicando nel team democratico anche i direttori di testate come il Washington Post, la Nbc, il New York Times, presenti in sala.

Hillary ha insistito molto sui legami di Trump con Mosca, spiegando che lui non riesce a seguire il gobbo elettronico perché è "più difficile quando si deve tradurre dal russo". Quanto all’accusa di essere "dopata", ha ammesso di aver preso "una sorta di sostanza per migliorare la sua performance: si chiama preparazione".

"Il pubblico dovrebbe essermi grato - ha detto Hillary autoironica - perché generalmente prendo un sacco di soldi per discorsi come questo". Poi, riferendosi alle accuse di abusi arrivate da alcune donne nei confronti di Trump, ha lanciato la sua frecciata sui voti che Trump è solito dare alle donne: "Quando le persone guardano la Statua della libertà, vedono un simbolo della nostra storia di Paese di immigrati. Lui vede un 4. Forse un 5 se perde la torcia e il libro e si sistema i capelli".

La tradizione di ospitare i candidati in occasione delle presidenziali al galà annuale dell’Alfred Smith risale al 1960, con la partecipazione del repubblicano Richard Nixon e del democratico John F. Kennedy. Ma mai come quest'anno il confronto era stato così duro. Trump e Clinton erano seduti allo stesso tavolo, separati solo dall’ospite della serata, il cardinale Timothy Dolan, cui alla fine è riuscito quasi un miracolo: la stretta di mano (forzata) tra i due rivali.

Commenti

Edmond Dantes

Ven, 21/10/2016 - 11:32

Se fosse stato un match di pugilato l'arbitro avrebbe dovuto fermarlo per manifesta inferiorità della Clinton. E poi diciamocelo, questa qui non ha mai dato prova di se in politica se non per i disastri planetari combinati come segretaria di stato; quantomeno Trump gestisce con successo un impero economico e non ha certo programmi bellicosi in politica estera. Lei invece continua a menarla con un unico tormentone: la demonizzazione della Russia che nemmeno ai tempi di Kennedy. Unico titolo riconosciuto? Quello di moglie di Bill (!), roba che se divenisse presidente dovrebbero alzare di un metro l'arco delle porte della Casa Bianca per farcela passare sotto con tutte le corna

tzilighelta

Ven, 21/10/2016 - 12:25

Dopo tre incontri diretti ormai si può dire che Hillary ha vinto, nel senso che un peso massimo come Trump avrebbe dovuto fare a pezzi una donna con tanti punti deboli come la Clinton, a pochi giorni dal primo scontro la davano tutti per spacciata, e invece con grande sorpresa ha tenuto testa a un terremotato come Trump seguito da trogloditi di tutto il pianeta! Lui stesso è rimasto sorpreso, questo significa che se il vincente tycon non riesce ad avere la meglio su Hillary allora come può governare l'America! Per contro Hillary che tiene testa ad un cavernicolo come Trump può ben essere in grado di comandare l'America contro tutti gli altri bananas sparsi per il pianeta! Deduzione logica che anche i meno dotati stanno piano piano metabolizzando! Edmond ancora uno sforzo e vedrai la luce!

MOSTARDELLIS

Ven, 21/10/2016 - 13:01

Alcune sere fa un giornalista molto arguto ha fatto una battuta molto interessante. Ha detto che peggio di Trump c'è solo la Clinton. Poveri americani, in che guaio si sono messi.

swiller

Ven, 21/10/2016 - 13:47

Se vince la clinton continueranno guerre e interferenze in altri paesi è una criminale guerrafondaia.

PAOLINA2

Ven, 21/10/2016 - 13:56

TRUMP-SALVINI stessa pasta, non sono in grado di fare un discorso serio, solo puro populismo, difficile immaginare uno scenario con uno, come Presidente degli Stati Uniti e l'altro capo di governo italiano, vengono i brividi solo al pensiero.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 21/10/2016 - 14:06

Edmond Dantes - La sua selettivita` cerebrale e` davvero patologica. "un unico tormentone: la demonizzazione della Russia". Forse lei era occupato a scrivere altri articoli per il Giornale mentre non solo la Clinton, ma il resto del mondo tranne Putin, sottolineava tutte le incongruenze di Trump, non solo le sue baggianate sulla Russia. E le dico questo senza essere un sostenitore della Clinton, che ha si` fatto disastri planetari, e si` ha problemi di "capigliatura ossea", ma nella sua vita si e` distinta in attivita` positive che al confronto delle "attivita`" di Trump, farebbero di lei una Madre Teresa di Calcutta. Provi ad essere leggermente piu` equilibrato vedra` che la vita sara` piu` bella.

timba

Ven, 21/10/2016 - 14:14

Io non so se sia stato consigliato male o proprio lui non ci sia arrivato. Ma a una che invece di rispondere del reato federale di distruzione di email, del fatto che in alcune di esse si dichiara apertamente contro il popolo e per i poteri forti, del fatto che in altre compaiono i disegni per screditare Sanders, del fatto che chi indaga su di lei muore, del fatto che prende i soldi da paesi che finanziano l'Isis, del fatto che suo marito ne ha combinate di ogni.. ebbene se lei invece di rispondere di questo ribalta la frittata con lo spionaggio russo, io l'avrei asfaltata. Il problema è che i bigotti americani danno più importanza a palpeggiamenti di 35 anni fa...Praticamente esattamente uguale all'Italia.

Luigi Farinelli

Ven, 21/10/2016 - 14:15

Trump ha ragione quando afferma che la Clinton "finge di non odiare i cattolici". Infatti li accusa di settarismo perché si oppongono all'aborto libero (finora più di un miliardo di assassinati nei ventri materni nel mondo) mentre lei finanzia il Planned Parenthood, la criminale multinazionale dell'aborto dell'ONU che mercanteggia coi tessuti fetali provenienti da aborti volontari. La radical-femminista Clinton rifiuta ogni diritto costituzionale per i bambini non nati ed è contro le fedi religiose che contrastano l'aborto mentre Trump ha lanciato la PRO-LIFE COALITION (Difesa della vita e libertà religiosa, famiglia naturale fondata sul matrimonio uomo-donna e attore principale dell'educazione dei figli).

ortensia

Ven, 21/10/2016 - 14:29

Sbagliato definire insulti le battute piu' o meno spiritose che si sono scambiati Hillary e Trump alla tradizionale cena di gala del cardinale dolan. Per tradizione in questa occasione solo facezie scritte dai loro speach writers e lette durante la cena. Si sa che e'il tono giusto a rendere spiritosa una battuta. La Hillary,per sua stessa ammissione, e'negata in questo , Trump e'un maestro e ieri sera lo ha dimostrato.

timba

Ven, 21/10/2016 - 14:58

Pravda99. Anch'io non sono sostenitore di Trump. Ma dire che la Clinton almeno si è distinta in attività positive... A livello di fondazione tenga presente che fa tutto con i soldi degli altri. Lei non rischia mai niente. In più prende soldi dai Sauditi che sono anche finanziatori dell'Isis ed i più repressivi con le donne che la Clinton difende tanto. Per finire, tra alcune delle sue azioni positive c'è stato l'obbligare l'Europa a far guerra alla Libia (disastro immane), a far sanzioni contro la Russia (altro disastro Continentale) e via discorrendo. Se non c'era Putin che iniziava, l'Isis era ancora padrona di mezzo middle-east. Penso che tra la febbre ed il colera.. sia meglio la febbre.

petra

Ven, 21/10/2016 - 15:16

Vincerà la Hillary e non c'è da stare allegri.

petra

Ven, 21/10/2016 - 15:20

Hillay sostiene che la decisione di abortire spetta esclusivamente alle donne (anche se a ridosso del parto). Nel qual caso personalmente lo ritengo un abominio.

timba

Ven, 21/10/2016 - 15:21

Paolina2. Chi non fa un discorso serio è chi non risponde. Chi ribalta la frittata. La Clinton non risponde su tutto quello che ho elencato nel mio precedente intervento. Ribatte che c'è lo spionaggio russo. E così fosse? Ben venga. Ci ha fatto sapere che razza di persona è. Chi non fa un discorso serio è chi attacca le donne se si scopano il proprio marito nella stanza ovale ma poi le difende se sono state palpate (dicono loro) da Trump. E dire di un reato federale "ho commesso un errore" secondo lei è serio? UN errore? Quello è un reato commesso con dolo. Se per lei una persona così invece è seria.. allora siamo a posto.

Edmond Dantes

Ven, 21/10/2016 - 17:15

@pravda99. Come al solito lei pesta l'acqua nel mortaio non essendo in grado di dire mai nulla. L' unica cosa che sa fare è parlarsi addosso (mi auguro, più che altro per i suoi poveri congiunti, che sia l'unica cosa che si fa addosso). La sua amata Hillary è un completo disastro, corna comprese, ed è questo l'unico motivo per cui piace tanto a sinistra dove appunto si dilettano parlandosi addosso legioni di Tafazzi spocchiosi come lei . Un consiglio: si occupi di Hillary Blasi, piuttosto che Clinton, magari qualcosa di buono salterebbe fuori.

Libero1

Ven, 21/10/2016 - 17:22

Che vergogna.Parte del mondo negli ultimi otto anni nelle mani di uno che gli fu assegnato il premio nobel per la pace,i prossimi quattro anni nelle mani di una donna senza scrupoli.Entrambi dovrebbero essere accusati di crimini di querra per quanto fatto in Libia.

Edmond Dantes

Ven, 21/10/2016 - 17:31

@tzilighelta. Se crede che le cose stiano come le vede lei non posso obiettare granché. Nonostante Copernico e Galileo non potrei mai convincere uno come lei che ancora crede nel sistema tolemaico. Quel che conta è che sia contento lei e, come si dice, chi si contenta gode.

Silvio B Parodi

Ven, 21/10/2016 - 21:42

La kilary clintoride ha UCCISO 390mila persone con la sua Guerra contro Assad e Gheddafi piu di 2 milioni di profughi sulle spalle dell'europa. ringraziatela sinistri, perche quando fara' la Guerra alla Russia non ne avrete piu' il tempo.