In coda per una busta di cibo: è il Natale povero degli italiani

Il “buono” della Piana di Gioia Tauro aiuta 500 famiglie a sopravvivere. Ecco le storie degli italiani dimenticati che vivono in condizioni disperate

Chi te la fa fare, Bartolo? "Gesù!". È a Dio che si affida, quotidianamente, per la sua missione di solidarietà e carità cristiana l’ormai storico Bartolo Mercuri. Il “buono” della Piana di Gioia Tauro, con un figlio sacerdote e tanta buona volontà. Non è solo agli africani della tendopoli e dei rifugi occasionali nelle campagne di Rosarno e degli altri comuni, che rivolge buona parte dell’impegno sociale, così come riportato da giornali e tv, ma è anche, e soprattutto, a oltre cinquecento famiglie italiane che vivono in condizioni disperate nei trentatré comuni della Piana di Gioia Tauro, che il benefattore dedica una parte altrettanto nobile della propria missione. Collette alimentari spontanee, organizzate da associazioni e scuole, qualche aiuto dal banco alimentare e tanta fraternità "fra poveri".

"I poveri aiutano i poveri", afferma commosso Bartolo mentre ci mostra i depositi delle scorte alimentari da destinare ai bisognosi e che, in realtà, si riempiono e si svuotano così rapidamente da non dare il tempo di memorizzare anche un solo prodotto. Riso, pasta, latte, biscotti, cibi in scatola, farmaci e anche indumenti, vengono distribuiti da Bartolo e dai volontari del Cenacolo col sorriso sulle labbra e il garbo necessario a non offendere chi si rivolge, timido e imbarazzato, per bisogno (guarda il video). Come la mamma commossa mentre racconta delle difficoltà giornaliere a gestire le domande della propria bambina. O il pensionato a 240 euro al mese che non ce la fa neanche a pagarsi le cure. Una tragica foto in movimento di una giornata natalizia che cattura, fra un sorriso e una lacrima, la disperazione di un’Italia messa in ginocchio da una crisi voluta dai potenti e patita dalla povera gente.

Fra tanta miseria, quanta dignità! Nessuno alza la voce ma, composti e ordinati, padri di famiglia, madri angosciate, anziani e bambini attendono rispettosamente il proprio turno, sapendo che da Bartolo, ce n’è per tutti.

Commenti

Anonimo (non verificato)

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 26/12/2016 - 12:22

questa è la fine che faranno le nuove generazioni dei pochi italiani rimasti mentre africani invasori nei resort a giocare con la play ahahahah

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 26/12/2016 - 20:04

Ci giocheranno ancora per poco.Abbi Fede uomo di poche speranze.

Una-mattina-mi-...

Lun, 26/12/2016 - 20:51

SONO GLI EFFETTI "DELL'ITALIA COL SEGNO PIU' RENZIANA", QUELLA COCCOLA AFRICANI AUTOCERTIFICATI, QUELLA CHE DEPENALIZZA LE ORDE E PENALIZZA I FRATELLI ITALIANI

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 26/12/2016 - 21:53

Provate ad indovinare chi sono i colpevoli? Già, risposta esatta, ma non lo potete dire, per il politically correct. Mentre per i clandestini tutto è a disposizione, anche i soldi, i nostri.

leo_polemico

Lun, 26/12/2016 - 22:32

Come mi sono già permesso di scrivere altre volte, i soldi per le "risorse dell'Italia" NON arrivano dall'europa, come qualcuno insiste e sostiene, bensì dalla tasse pagate dagli italiani, ci sono e si trovano sempre, mentre per i nostri connazionali più sfortunati, i pensionati al minimo, gli handicappati, gli invalidi mancano sempre i finanziamenti che permettano loro una vita non da ricchi ma dignitosa. Chissà come mai, in compenso, i finanziamenti per gli aumenti, i previlegi, o i vitalizi stratosferici per la "casta", si trovano sempre.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 26/12/2016 - 22:54

E pensare che per i clandestini i soldi ci sono sempre. non solo, ma anche tetto, cibo, vestiario, cuffiette, telefonino, ricariche, wi-fi, giri gratis su mezzi pubblici (non pagano mai) e quant'altro. Per gli Italiani indigenti, nulla, proprio nulla. Ma chi è che comanda?

paràpadano

Mar, 27/12/2016 - 06:21

nessuno ha pensato di mettere a conoscenza la boldrini di queste situazioni ???

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 27/12/2016 - 07:35

Dove sono i pseudo ministri dell'interno, della sanità, i pseudo presidenti del senato , della camera, della repubblica? Dov'é il presidente del consiglio? Dove sono i responsabili di tanta miseria? Ma é semplice. SONO OCCUPATI A SPARTIRTI I BENEFIT DEL LORO MALAFFARE

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 27/12/2016 - 07:38

Un mio amico francese, amante di cimeli storici, che tratta con la massima cura e che li mantiene perfettamente funzionanti, mi ha inviato una lettera dicendomi che é oltre modo dispiaciuto per la situazione italiana. Vorrebbe poter fare qualcosa per aiutarci e, per questo mi ha dato la sua disponibilità. Sarebbe disposto a prestarci in " comodato gratuito" la sua GLIGLIOTTINA .

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 27/12/2016 - 08:53

come l'hanno gestita la loro vita questi poveri? Quando c'erano i giorni grassi si davano alla bella vita oltre le loro possibilità? Io ne posso testimoniare un migliaio di casi analoghi, di gente che scialacquava.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 27/12/2016 - 09:30

E' una notizia falsa. Dopo i governi tecnici a guida pd i problemi sono stati risolti, la luce in fondo al tunnel, non c'e' disoccupazione, l'itaglia riparte, l'ha detto il clown di rignano...questo e' il paese del bengodi

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/12/2016 - 09:42

Come no, tutti i denari devono andare per i clandestini. Renzi ha deciso così e PDioti rimanenti pure.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 27/12/2016 - 10:12

"Il Natale povero degli italiani". Grazie al cielo la stragrande maggioranza degli italiani ha potuto festeggiare. Tantissimi alla grande. Quello che descrivete è "il Natale degli italiani poveri". Manco i titoli sapete scrivere, a meno che non lo facciate apposta. Allora fate schifo.