Condannato per terrorismo in Francia insegna all'università di Rio

Il fisico franco-algerino Adlène Hicheur lavorava al Cern di Ginevra. Condannato perché stava preparando attentati in Europa, oggi insegna nella più prestigiosa università carioca

Sino al 2009 Adlène Hicheur lavorava al CERN di Ginevra ed era uno dei fisici più brillanti che lavorava sulla "particella di Dio", essendo specializzato per l'appunto nell'accelerazione delle particelle. Solo che il suo Dio era Allah e per “onorarlo” sognava di fare attentati terroristici in Europa.

Questo almeno scoprirono gli 007 francesi, intercettando decine di e-mail crittografate che Hicheur scambiava con i leader magrebini di al Qaeda. Con entusiasmo, infatti, il fisico franco-algerino si era messo a disposizione dei terroristi per “lavorare nel cuore della casa del nemico e succhiargli il sangue per togliergli forze”. E, ça va sans dire, per compiere attentati.

“Dobbiamo far di tutto per accelerare la recessione economica, colpire le industrie vitali del nemico e le grandi imprese – scriveva Hicheur per poi aggiungere, determinato - compiere assassinii ben studiati di personalità europee note appartenenti ai regimi increduli”. Per questo venne arrestato in Francia: stava pianificando attentati contro l’Occidente.

Condannato nel 2012 a 5 anni per terrorismo dai francesi, licenziato in tronco dal CERN, a quel punto Hicheur non trova di meglio se non fuggire in Brasile.

Tutto finito penserete voi. Niente affatto.

Per incredibile che possa sembrare, oggi questo bel personaggio insegna nell'università più prestigiosa di Rio de Janeiro, la UFRJ. Qui, infatti, il fisico-terrorista è stato assunto come professore di fisica con uno stipendio mensile di 11mila reais al mese, 3mila dollari circa, un importo quasi 15 volte il salario minimo verde-oro che gli consente di vivere non bene ma benissimo. E "invisibile" sino a qualche giorno fa, quando il settimanale brasiliano Epoca ha rivelato con un ampio reportage il passato, assai poco professorale, di Adlène Hicheur.

Commenti
Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 20/01/2016 - 16:33

che meravigliarsi ? quando LULA protegge un terrorista assassino ITALIANO, ed il potere e´in mano a duna terrorista comunista DILMA, basterebbe fare come certi paesi, usare i servizi segreti ed eliminarli nel silenzio , diversamente pagheremo le conseguenze, grazie DILMA e LULA compici e assasisini

MOSTARDELLIS

Mer, 20/01/2016 - 16:47

Certo il Brasile della Roussef si deve dare una regolata... prima Battisti, poi Hicheur... E non si capisce in nome di che cosa abbia questo atteggiamento. Aspira a diventare la patria di terroristi?

emigratoinfelix

Mer, 20/01/2016 - 18:16

per coloro che non lo sapessero,non stupiamoci:la stessa Roussef,presidente delBrasile,ha un passato da terrorista provetta che farebbe impallidire qualunque brigatista rosso o nero nostrano.Ho avuto modo di visionare la sua ficha policial:omicidio,rapina a mano armata,sequestro di persona,innumerevoli conflitti a fuoco con esercito e polizia,di tutto di piu´.Con un capo dello stato cosi cosa vi aspettated´altronde anche noi abbiam avuto fior di mascalzoni,in quella posizione,vedi napolitano

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 21/01/2016 - 13:31

Non c'è da meravigliarsi, il Brasile protegge anche uno squallido assassino come Cesare Battisti.