Contro la Brexit, Londra sposa i diritti dei gay

La Gran Bretgana si scopre sempre più gay friendly: Brexit o no, il regno rimane un Paese per omosessuali e transgender

La Gran Bretagna teme l'esodo di studenti e lavoratori. Interi settori del commercio e del business sono a rischio con la Brexit. E, per "frenare" l'esodo dovuto dalla fuori uscita dall'Unione europea, il Paese starebbe puntando sui gay. Il settimanale britannico The Economist ha infatti pubblicato una mappatura della vita omosessuale nel Regno Unito.

La Gran Bretgana si scopre sempre più gay friendly: Brexit o meno, il regno rimane un Paese per omosessuali, transgender e altro. C'è spazio per tutti. Non solo nelle grandi città, ma anche nelle campagne e nei luoghi più conservatori.

Ad esempio il collegio di Eton, fondato nel 1440, che apre ai transgender. Come ricorda La Stampa, Eton è la scuola maschile più prestigiosa del regno, 38 mila sterline l’anno di retta. Qui sono passati principi, re e primi ministri. Il preside Simon Henderson ha dichiarato al The Guardian che il collegio si vuole aprire al mondo moderno: un corso per sensibilizzare i ragazzi a essere "gender intelligent" e la possibilità per tutti di frequentare il college.

"Voglio che Eton sia scuola moderna, con uno sgauardo al futuro", ha dichiarato il preside. "Eton si è sempre reinventato lentamente. Ma ci sono dei momenti in cui si deve fare un passo avanti".

Commenti

MA22

Lun, 13/11/2017 - 13:08

Aspetto i dati del referendum australiano (decide il popolo - democrazia). Parlando con amici australiani dovrebbe essere un 60/65 per il si e 35-40% per il no. (Un po’ come renzi un anno fa)

MOSTARDELLIS

Lun, 13/11/2017 - 13:08

Meno male che gli inglesi escono dall'UE, non ci tengo proprio ad essere nella stessa barca con gay e sindaci musulmani. Bella roba. Che se la tenessero stretta..

giovanni951

Lun, 13/11/2017 - 13:10

possibile che tutti i giorni bisogna leggere qualcosa che riguarda gay, trans ecc ecc?

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Lun, 13/11/2017 - 13:31

La "brexit" dovrá passare sui loro corpi... sai che goduria!

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Lun, 13/11/2017 - 14:25

Basta con questa omocrazia imperante. Uomini e donne hanno tutti i diritti di essere etero e di promuovere lo stile di vita etero.

Ritratto di stufo

stufo

Lun, 13/11/2017 - 14:53

Culatacchioni (come diceva il compianto Faletti) e beduini ( come dico io) che convivono felici e contenti nella perfida albione ( come diceva Lui)...che spasso !

tonixx

Lun, 13/11/2017 - 15:03

Ma era molto meglio prima, quando l'omosessuale non aveva altra scelta che sposarsi e mettere al mondo dei figli, cosi come ci era stato inculcato dalla religione,per non essere emarginato, deriso e perseguitato al lavoro e nella vita,in genere da altri gay repressi che come lui si erano dovuti sposare ed avere dei figli,altrimenti si sarebbe dovuto fare prete o seguire una carriera militare.

schiacciarayban

Lun, 13/11/2017 - 15:35

Una bella prospettiva: le attività lavorative se ne vanno a causa della Brexit, i gay aumentano quindi non ci saranno più figli. Un paese senza bambini e senza lavoro ma in compenso pieno do gay. Questa volta gli Iglesi l'hanno fatta grossa!!

Berna

Lun, 13/11/2017 - 16:04

OK la modernità, OK fare passi avanti. Ma mi chiedo: dopo che saremo "avanti" con tutti gli omosessuali e le lesbiche chi farà figli? Costruiremo robottini?