Corea del nord, Luttwak: "Hanno missili di cartapesta"

Edward Luttwak sulla Corea del Nord ha le idee chiare e in poche battute demolisce tutto il potenziale bellico di Kim Jong Un

Edward Luttwak sulla Corea del Nord ha le idee chiare e in poche battute demolisce tutto il potenziale bellico di Kim Jong Un. Alle minacce degli ultmi giorni, il politologo statunitense risponde in questo modo: "I missili? quelli sono di cartapesta, sono buoni per le parate e possiamo abbatterli senza difficoltà". Insomma per Luttwak le armi della Nordcorea sarebbero solo uno spauracchio irrilevante. Al Messaggero, il politiologo spiega qual è il tallone d'Achille del regime: "Il problema di Pyongyang è la miniaturizzazione delle testate. Loro le bombe ce le hanno, ma sono troppo grosse e pesanti per essere montate sui missili che hanno in arsenale". Secondo Luttwak gli Stati Uniti dovrebbero temere gli esperimenti e le esplosioni nel sottosuolo portate avanti dalla Nordcorea: "È con gli esperimenti nucleari che Pyongyang sta sviluppando la sua tecnologia per miniaturizzare gli ordigni. Ma se con Obama c'erano stati ben quattro esperimenti sotterranei, nonostante le minacce di Washington, con Trump c'è stata finora una sola esplosione sotterranea, appena il nuovo presidente è entrato in carica". Decisivo, secondo il politologo, il ruolo della Cina: "Poi Trump ha incontrato faccia a faccia il presidente cinese Xi Jinping nella sua residenza di Mar A Lago in Florida. E da quel momento gli esperimenti sotterranei si sono interrotti. Segno che la Cina deve aver fatto quanto richiesto con Pyongyang. Vuol dire che la Cina accetta il principio che la Corea non deve avere armi nucleari. Va bene i missili, ma niente testate atomiche".

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 08/08/2017 - 17:27

USraele ha certo da guadagnarci: morirebbero solo asiatici e Cina, Corea e Giappone soffrirebbero immense perdite, con economie martellate. Gli USA emergerebbero come un attore economico cruciale e si arresterebbe la caduta del dollaro. Ovviamente Russia e Cina capiscono il gioco di USA e Sion. E mi auguro sappiano fare la giusta deterrenza.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 08/08/2017 - 17:32

Bisogna ammettere che far scoppiare una guerra in Corea sarebbe una trovata geniale per gli USA. Criminale, certo, ma nulla di strano nella loro storia. Colpirebbero con una sola mossa non solo la Cina ma anche i vassalli Corea e Giappone che, per quanto vassalli, sono pur sempre rivali in economia. Lo stesso scenario in Europa. Una guerra tra Europa e Russia che annienti entrambe. Due belle guerre lontane dal cuore del regime. Coi costi solo agli altri.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 08/08/2017 - 17:57

ma la corea ha materiali poveri! invaderla oggi sarà una passeggiata, nonostante le fosche e catastrofiche previsioni!!

Ducario

Mer, 09/08/2017 - 01:28

Gli USA sono un paese pericolosamente sempre in cerca di guai...meglio per tutti gli europei (GB compresa) allontanarsi da loro e studiare assieme nuove strategie di difesa per il nostro caro vecchio continente. La NATO oramai è funzionale solo agli USA

Ritratto di vraie55

vraie55

Mer, 09/08/2017 - 08:29

geniale .. dopo la Siria, Russia e Cina diventerebbero ancora più "amiche"

Demy

Mer, 09/08/2017 - 13:23

Se quello che dice Luttwak è credibile, che senso ha dispiegare una immensa flotta lungo le coste della Corea del NOrd? I missili di cartone non fanno male.

Treviso

Mer, 09/08/2017 - 14:10

A sig. Edward Luttwak canta bene ma la voce a stonato le sue idee che non siano chiare come per Iraq Siria Afganistan che diceva che sara una operazione chirurgica e invece sono ani che si ammazzano e sono anni che ascolto i cosiddetti esperti di niente e ritenevo il sig. Edward Luttwak un esperto mi a deluso