Così il dedalo della giustizia indiana ​tiene sotto scacco i nostri marò

Latorre potrà restare a casa fino al 30 aprile. Mercoledì una nuova udienza alla Corte Suprema indiana per prolungare il permesso

L'infinito caso giudiziario dei nostri marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, si arricchisce di una nuova udienza alla Corte Suprema indiana. L'appuntamento è previsto per mercoledì quando si andrà a trattare la permenenza di Latorre in Italia. Nell'ultima udienza, che si era svolta lo scorso 13 gennaio, la Corte aveva permesso al fuciliere pugliese di restare a casa fino al 30 aprile. Ora che il permesso sta per scadere la partira si riapre da capo.

I due marò italiani sono finiti nel "dedalo" della giustizia indiana per il presunto omicidio di due pescatori del Kerala. E da lì non riescono più a uscire. Adesso all'ordine del giorno il rinnovo del permesso di convalescenza del Fuciliere di Marina, che dalla fine del 2014 è in Italia per ristabilirsi dopo l'intervento al cuore subito per un attacco di ictus. Nell'ultima udienza, la Corte Suprema aveva chiesto al governo indiano chiarimenti sui tempi della durata del lavoro del tribunale arbitrale e dunque dopodomani il governo indiano dovrà aggiornare sugli sviluppi del procedimento all'Aja. I giudici sono chiamati a decidere se attenersi alla decisione dello scorso agosto del Tribunale del diritto della navigazione di Amburgo che ha imposto alle parti di congelare ogni procedimento in attesa dell'esito della procedura arbitrale all'Aja, cui spetta l'ultima parola su chi e dove debba giudicare i due militari italiani.

Secondo l'Italia è preclusa ogni decisione della Corte suprema indiana su Latorre. Il marò potrà tranquillamente rimanere in Italia fino alla fine dell'arbitrato proprio in virtù dell'ordine dell'Itlos di sospensione di tutti i procedimenti giudiziari interni. Nel frattempo, al Tribunale internazionale dell'Aja l'Italia ha chiesto anche il rimpatrio di Girone, l'altro Fuciliere di Marina, costretto da anni a vivere a migliaia di chilometri di distanza dalla famiglia e dall'Italia, ospite della legazione italiana a New Delhi.

Commenti

qualunquista?

Lun, 11/04/2016 - 10:58

Lasciamo stare il dedalo della giustizia indiana, non so quanto migliore sia la nostra, con circa il 90 % dei reati impuniti e ere geologiche necessarie per arrivare a una sentenza forse definitiva (anche se pretendiamo di dare lezioni di giustizia all'Egitto). Chiediamoci piuttosto come sia possibile che una nave possa essere dichiarata in una posizione piuttostoco che in quella giusta, visto che al giorno d'oggi qualsiasi natante è dotato di navigatore satellitare che ne dà una posizione certa (e se anche l navigatore fosse rotto, tutti i telefono hanno ugualmente la possibilità di essere inquadrati in un'area ben delimitata)

Rossana Rossi

Lun, 11/04/2016 - 11:01

Se il bell'addormentato del colle si occupasse di queste cose invece di andare alle mostre del vino..........

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 11/04/2016 - 11:04

----a rigor di logica ---se congelamento deve essere----esso sarà biunivoco--latorre resterebbe in italia---parimenti non credo che l'india conceda il rimpatio a girone---hasta siempre

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 11/04/2016 - 11:08

Basterebbe che l'Italia, nella questione marò, ponesse in atto soltanto un decimo dell'impegno (e del casino) profuso per il caso Regeni e non staremmo più qui a menarcela con questa faccenda che oramai sta battendo, per durata, qualsiasi telenovela.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 11/04/2016 - 11:23

Se in India la giustizia è un dedalo, in Italia è un TREdalo o QUATTRdalo. La farnesina comunque ha assicurato che prima o poi ce lo liberano e non più tardi.

FraZa

Lun, 11/04/2016 - 11:36

Una delle nazioni piu' corrotte del mondo (India) tiene in scacco la nazione con la classe politica piu' inetta ed inefficiente del mondo (Italia). Ma e' cosi' difficile "sfilarsi" da ogni operazione militare nel mondo dove vi siano forze indiane?. Sembra che a "FROTTOLO" interessino piu' le commesse commerciali con l'India che due Maro'.....

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 11/04/2016 - 11:48

l'Italia deve essere DURA con l'India, tutta la Ue DEVE essere dura con l'India, l'ONU deve essere duro con l'India, erano o non erano sotto mandato Onu i marò? erano o non erano MILITARI NATO? e UE? e allora la questione è chiusa, si facciano DURE PRESSIONI E DURE RITORSIONI verso l'india, economia o no un pese SERIO, AFFIDABILE COERENTE si vede da questo, e poi avere ancora rapporti commerciali con chi dall'oggi al domani ti SEQUESTRA DEI MILITARI IN AZIONE ANTI PIRATERIA, non ha senso, non si possono fare affari con questa monnezza di paese! l'india è inaffidabile e pericolosa! ma ci si può fidare di vendere e ricevere soldi da questa gente?? meglio perderli che trovarli.

ex d.c.

Lun, 11/04/2016 - 11:57

Ci fossimo impegnati per i nostri marò quanto per Regeni avremmo risolto da tempo

montenotte

Lun, 11/04/2016 - 12:18

Perchè non si concede a Girone un Passaporto Diplomatico come membro dell'Ambasciata Italiana in India, quindi sotto immunità, per farlo rientrare velocemente in Italia?

honhil

Lun, 11/04/2016 - 12:19

Il presidente Mattarella, tuttavia, è silente in merito. Gli italiani, invece, lo vorrebbero più eloquente in merito. Del resto, a chi auspica frontiere aperte in tutti i sensi, andando in tutti i sensi controcorrente, visto che in tutto il mondo le protezioni delle frontiere, e per quanto riguarda le merci e per quanto riguarda le persone, sono rigorosamente fatte osservare, non dovrebbe essere difficile far capire agli indiani, che si dilettano da lunghissimo tempo a fare orecchi da mercante, che quando la presa in giro dura a lunga è segno di malanimo. Invece, su questo versante, lui tace. E non è cosa presidenziale. Perché il primario compito di difendere gli interessi dell’Italia e degli italiani è compito suo. O no?

xgerico

Lun, 11/04/2016 - 12:28

Domanda semplice semplice: Ma un soldato operato al cuore e con i postumi di un ictus ancora in servizio è?

pasquinomaicontento

Lun, 11/04/2016 - 12:34

Ce vorebbe un miracolo de santa Teresa de Calcutta pe' fà ritornà Girone in Italia.Da le parti mie c'è un detto che recita:-Er santaro lo puoi frega 'na vorta.se ciariprovi...te frega lui.-E' quello che è successo in questa Baruffa Chiozzotta moderna in salsa Trimurti.Da questa storiella i nostri...diciamo paraculi governanti,ne escono con le ossa rotte, nun sanno più a chi santo votarsi,se nun se trova subito una via d'uscita 'sta querelle avvalolerà quel detto del Boccaccio :-"Lo ingannatore rimane a piè dell'ingannato" Volevamo fà i furbi con chi c'ha tre divinità,Brahma,Vishnu,Shiva noi che de Dio ce 'n'avemo uno solo.

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 11/04/2016 - 12:56

come per Regeni, anche qui abbiamo in essere troppi interessi commerciali: rinunciamo a fare troppe storie e teniamoci i lavori che così tanto servono alle aziende italiane! d'altra parte diritti, principi, orgoglio nazionale non fanno PIL...

matteo lamanna

Lun, 11/04/2016 - 13:54

Matteo Lamanna @ Menphis35. d'accordo con Lei al 100% ma aggiungerei una cosa molto grave e cioe': tutte queste energie spese per Regeni ed i Nostri due Maro' che facevano il proprio dovere e' dovuto al fatto che Regeni era un compagno ed i due Mero' non sono niente per il Governo! P.S.: accetto scommesse che la madre di Regina sara' candidata..........col PD! A pensar male.............

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 11/04/2016 - 14:34

----è questo il punto rapax --non erano sotto nessun cappello i marò--nè onu nè nato---praticamente ridotti al rango di semplici guardie giurate --agli ordini addirittura di un civile--ossia il comandante della nave---leggiti da quale mente geniale di avvocato è stata partorita sta legge--hasta siempre

blackbird

Lun, 11/04/2016 - 15:04

Perché il Signor Ministro degli Affari Esteri non minaccia l'India come minaccia l'Egitto? Paura per qualche affare?

Aleramo

Lun, 11/04/2016 - 16:29

Propongo di lanciare lo slogan "Verità per i due Maro' "

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 11/04/2016 - 16:50

Memphis35 11:08 – Mi ha anticipato. - - - Aleramo 16:29 - Sul municipio di Trieste spicca un vistoso striscione con scritte nere su sfondo giallo "Verità per Giulo Regeni". Non ho niente da ridire; mi chiedo però perché sotto (sotto, non sopra) questo striscione non ce ne sia anche uno con scritta "Verità per i Marò". Ho detto bene "verità" e non altro, visto che l'India e soprattutto l'Italia detta verità la nascondono (o la ignorano ?) da soli 4 anni.

Ritratto di gammasan

gammasan

Lun, 11/04/2016 - 17:14

Quello che non capisco è la grande importanza data al caso Regeni: 'sto ragazzo che ci stava a fare, in realtà, in Egitto? È mai possibile che un "ricercatore" (ma che cercava?) sia tanto più importante di due servitori dello Stato che stavano compiendo il loro dovere? C'è sotto qualcosa di grosso e di innominabile, secondo me, per rischiare le relazioni con una nazione con la quale ci sono grandi interessi commerciali...Vogliamo scommettere che qualcunA avrà un futuro scranno in una delle due camere?

Ritratto di nino42

nino42

Lun, 11/04/2016 - 17:35

I giudici sono chiamati (e dovranno) attenersi alla decisione dello scorso agosto del Tribunale del diritto della navigazione di Amburgo che ha imposto alle parti di congelare ogni procedimento in attesa dell'esito della procedura arbitrale all'Aja, cui spetta l'ultima parola su chi e dove debba giudicare i due militari italiani.Non possono andare contro le direttive imposte dall'Unclos.

tzilighelta

Lun, 11/04/2016 - 17:44

Rapax ma tu le informazioni dove le prendi su novella 2000

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 11/04/2016 - 17:59

elkid.....li andasse a prendere La Russa..allora!

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 11/04/2016 - 18:18

Seguito mio 16:50, ad essere onesto, devo precisare che quand'anche l'India e l'Italia nascondano o ignorino la "verità" di quanto accaduto, detta verità è ben nota e da subito rivelata (21 febbraio 2012) dal ns sommo, ineguagliabile, irraggiungibile e onnisciente tuttologo trentino.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 11/04/2016 - 18:37

elkid 14:34 – Ancora con sta menata (falsa) su La Russa. Le propongo un estratto intervista La Russa a Il Fatto Quotidiano 02/02/14 : " … intendo offrire la realtà dei fatti, peraltro facilmente riscontrabile da chiunque (e chi scrive su un quotidiano avrebbe il dovere di farlo preventivamente). La legge che convertì il decreto con il quale si consentiva sia ai contractor che ai militari di imbarcarsi su navi mercantili italiane in funzione antipirateria, è stata votata praticamente da tutto il Parlamento (493 voti a favore, 15 astenuti e solo 22 dell'estrema sinistra contrari) – segue 2/2.

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 11/04/2016 - 18:38

Segue 2/2 elkid 14:34 - L'origine di questo provvedimento non appartiene a me, che all'epoca ero ministro della Difesa, ma a 3 proposte di legge unificate (2 del PDL, a firma Fontana e Scandroglio, e 1 del PD a firma Tullo). Quando nel dibattito in Commissione, a cui ovviamente non partecipavo, emerse l'ipotesi di utilizzare i militari sui mercantili, l'unica voce fortemente critica fu la mia, che in ripetute agenzie di stampa, dichiarai: "A difesa delle navi solo le guardie giurate". (Ad abundantiam, può consultare anche l'Ansa dell'8/02/11).

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 11/04/2016 - 19:01

@matteo lamanna Lun, 11/04/2016 - 13:54: CONCORDO con il Suo pensiero. I servitori dello STATO abbandonati altri......NO!!!

aldoroma

Lun, 11/04/2016 - 19:40

siamo presi in giro da tutto il mondo e ora di dire basta...............

Ritratto di vraie55

vraie55

Lun, 11/04/2016 - 20:21

guerra all'India e all'Egitto! invasione per via terra di Libia e Siria, bombe al N. Corea, minacce alla Russia

Ritratto di Rames

Rames

Lun, 11/04/2016 - 21:23

Come 2 sacchi di spazzatura.

LOUITALY

Lun, 11/04/2016 - 21:33

la colpa di tutto è del golpista monti e del suo ministro di paola un uomo di marina vigliacco che ha cacciato i due maro a calci nel culo in india dopo averli esibiti prima delle elezioni! disonore e tradimentobdella patria

Raoul Pontalti

Mar, 12/04/2016 - 13:54

@xgerico se consideri che le nostre Forze armate sono composte per l'80% da meridionali, che la componente degli ufficiali è ripartita tra Nord, Centro e Sud con la proporzione 1/2/7, hai compreso come il comparto militare italiano non serva ad assicurare la difesa nazionale ma soltanto il posto di lavoro ai disoccupati delle zone del Bel Paese dove l'imprenditoria manca o è criminale e di conseguenza il lavoro scarseggia. Se pensi che vengono accolti nelle truppe di élite come i fanti di marina coscritti che presentano malformazioni che non possono sfuggire nel tempo ad una diagnosi ancorché posta in essere da un maniscalco dato che nel caso si trattava di pervietà del dotto di Botallo (con mantenimento della comunicazione interatriale tipica dello stato fetale) hai chiaro il quadro di marasma in cui versano le istituzioni militari pagate con i nostri soldi.