Così l'Algeria ha comprato il sostegno di Hillary Clinton

La Clinton Foundation avrebbe ricevuto contributi finanziari da almeno 7 nazioni mentre Hillary era segretario di Stato

Mentre Hillary Clinton era segretario di Stato, la fondazione presieduta dal marito, Bill, ha ricevuto milioni di dollari provenienti da governi stranieri. In un caso, come rileva il Washington Post, violando perfino l'accordo etico con l'amministrazione Obama.

Gran parte delle donazioni sarebbe stata possibile grazie ad alcune eccezioni presenti nell'accordo firmato dall'amministrazione Obama e la fondazione Clinton nel 2008, cioè prima che Hillary diventasse segretario di Stato. Le ambiguità di questo accordo hanno infatti permesso agli Stati stranieri di donare soldi alla fondazione, guadagnando così il favore del segretario di Stato.

Un esempio significativo può essere quello del governo algerino. Nel 2010 stava cercando, come scrive il Washington Post, di avere un rapporto più stretto con l'America. Così ha pensato bene di fare una donazione di 500mila dollari alla fondazione Clinton e le cose sono parecchio migliorate: gli incontri tra i rappresentanti algerini e quelli americani, alcuni anche molto rilevanti dal punto di vista politico, si sono moltiplicati.

E mentre un rapporto del Dipartimento di Stato del 2010 parlava dell'Algeria come di un Paese in cui ci sono moltissimi problemi relativi ai diritti umani, in cui viene limitata la libertà di riunione e di associazione, ecco che, magicamente, dopo questi incontri, qualcosa cambia.

Nel suo libro, intitolato Hard choiches e pubblicato nel 2014, la Clinton ha per esempio parlato dell'Algeria come di una di quelle "nazioni complicate che costringono gli Stati Uniti a bilanciare interessi e valori, ma che è anche un importante alleato nella lotta contro il terrorismo". Voilà. Il cambio è fatto e i rapporti tra i due Stati migliorati.

Un'altra nota stonata viene dal fatto che, mentre la Fondazione Clinton ha sempre certificato quali Stati abbiano fatto delle donazioni, non è ancora stato divulgato alcun dato riguardante le donazioni fatte durante i quattro anni di Hillary Clinton come segretario di Stato.

Commenti

El_kun

Gio, 26/02/2015 - 11:17

E questa era quella che strillava sempre contro Putin... evidentemente gli mancavano le donazioni russe... altro ke diritti umani

angelomaria

Gio, 26/02/2015 - 13:46

ZITTA ZITTA HA VIOLATO PRIMA DI TUTTO L'ETICA POI ALTRE VARIRE LORO LEGGI SU DONAZIONI DAPAESI DI CUI NON SI PUO RICEVERE DONAZIONI DA CHI NON RISPETTA I DIRITTI DELL'UOMO !!!PRESIDENTE AHAHAHSALVI PER ORA!!

angelomaria

Gio, 26/02/2015 - 13:50

NON ERA MIA INTEZIONE MA LA LENTEZZA MA'PORTATO A RICLICCARE CHIEDO SCUSA MALMENO SAPETEIL PERCHE1

ortensia

Gio, 26/02/2015 - 14:40

Il trio Hillary,Cessa e Bill vogliono la Casa Bianca anche se, brutti come sono, sarebbero perfetti per la dimora della famiglia Addams. La fondazione e' a loro beneficio? Sembrerebbe di no dovendosi occupare la stessa di sanita',educazione ed ambiente. Ci affondano il biscotto? I "doni"sono arrivati dagli Emirati arabi, Arabia saudita Oman,Australia, Germania ma soprattutto dall'agenzia canadese che promuove il Pipeline Kl oil stone la costruzione del quale potrebbe diventare un problema proprio per motivi ambientali. Obama si e' dichiarato contrario a questa grande conduttura sotterranea che andra' dal Canada al Goldo del Messico,ma oliando ben bene la signora presidente le cose potrebbero cambiare.